Numero di utenti collegati a questa sezione: 1345

Sei il visitatore numero 4128 di questa pagina dal
3 ottobre  2002

Cosa ne penso?

Viaggio tanto atteso. Preparato nel 1986 e saltato perché eravamo solo quattro ed il costo, pur io pagando la mia quota come partecipante, era proibitivo.

Oggi tutto cambia

Quella che per i primi gruppi (Pellegrini, Trimeri, Assoni) era una Grande Avventura, ritagliata nel percorso della Grande Avventura Africana del 1979 e 1980, è ora un percorso turistico, anche se non c'è l'affollamento dell'Acacus comodamente affrontato da cani e porci.

La Mauritania è un viaggio di arrivo, un deserto con pochi erg (almeno sul percorso Auker) e molta brousse. Purtroppo abbiamo avuto condizioni climatiche strane. Minime notturne a 12°, contro gli 0° del 98 (in contemporanea a noi in Hoggar è nevicato). Cielo nuvoloso per otto giorni. Colori scialbi. Tornato il sole, le falaise erano stupende. Non rilascio ulteriori dichiarazioni e penso che tornerò per visitare il nord.