Numero di utenti collegati a questa sezione: 350

Sei il visitatore numero 3382 di questa pagina dal
3 ottobre  2002

Dogon

Mali Mappa

clicca per ingrandire

I Dogon vivono a est del fiume Niger (circa 150 km. dalla città di Djenné) in piccoli villaggi ai piedi di ripide pareti di montagne (falesie di Bandiagara). Si stabilirono in questa regione verso il 15° e il 16° secolo, provocando la scomparsa dei Tellem, popolazione che già esisteva in questi luoghi.

Secondo la tradizione orale essi proverrebbero dai territori Mande a sud-ovest, mentre per gli aspetti linguistici e culturali la provenienza sarebbe la regione Yatenga in Burkina Faso (oggi territorio Mossi).


 Entrambe le teorie possono essere esatte poiché è probabile che i Dogon abbiano diverse origini. I villaggi furono costruiti ai piedi della falesia soprattutto per difendersi dagli attacchi delle cavallerie Mossi e Fulani. I Dogon sono prevalentemente agricoltori, riuscendo a sfruttare al massimo le possibilità dei loro terreni attraverso la creazione di piccoli campi rettangolari bordati con delle pietre proprio ai piedi della falesia.

La cultura animista dei Dogon è una delle più complesse di tutta l'Africa. Vi sono numerosi miti che descrivono l'origine della stirpe; quello più conosciuto riguarda il dio creatore Amma e i suoi otto messaggeri Nommo, considerati incarnazione della forza vitale del dio creatore. I Nommo impersonificano anche i primi uomini del mondo. Il settimo Nommo diventato uomo è nel mito colui che giunse sulla terra a cavallo o trasportato da un'arca, portando con sè un prezioso patrimonio culturale. L'hogon è quella persona che nel villaggio svolge la funzione di sacerdote e funge da tramite fra il mondo terreno e l' aldilà, cioè fra la vita e la morte. Egli è il sacerdote del culto lébé consacrato all'agricoltura.

Una delle più importanti cerimonie del lébé è chiamata bulu e celebra il rinnovamento ed il ritorno alla vita ed ha luogo durante la primavera. Gli antenati sono onorati tramite il culto binu che permette di ottenere la benevolenza dei defunti nei confronti dei loro discendenti.

Le famose maschere dogon vengono usate soprattutto durante questo rito e durante i funerali. Agli avvenimenti mitologici si ispirano tutte le pratiche di culto dei Dogon alle quali essi ricorrono per espiare le proprie colpe e ristabilire l'equilibrio del cosmo.

Home Su Bambara (Bamana) Bozo Dogon Malinke Marka Fin Senufo