Numero di utenti collegati: 1941

libri, guide,
letteratura di viaggio

02/03/2021 05:26:30

benvenuto nella libreria on-line di

.:: e-Commerce by Marco Vasta, solidarietà con l'Himàlaya :::.

L' Islam a tavola

Medioevo a oggi

Zaouali Lilia


Editeur - Casa editrice

Laterza

Africa
Africa del Nord
Tunisia

Città - Town - Ville

Bari

Anno - Date de Parution

2005

Pagine - Pages

220

Lingua - language - langue

italiano

Edizione - Collana

I Robinson

Traduttore

Egi Volterrani


L' Islam a tavola  

Dalle cucine della corte dei califfi di Bagdad -dove i piaceri della buona tavola erano abbondantemente coltivati, e dove confluivano e si mescolavano le tradizioni alimentari di arabi, persiani e asiatici, oltre che di bizantini una ricca e raffinata civiltà gastronomica si irraggiò in tutto il mondo islamico, dal Vicino Oriente all'Egitto al Nordafrica, fino all'Andalusia. Una grande varietà di tipi di pasta, di piatti in agro-dolce, di salse, di cuscus, di dolci e persino di vino, affollano le ricette tramandate dai testi medievali. È tutta una festa di aromi, spezie, sapori e colori, che possono allietare anche le nostre tavole, come suggeriscono le 30 ricette adattate ai gusti di oggi che completano il volume.

 



Recensione in lingua italiana

Le prime righe
Un pranzo fra amici
«Un giorno, uno dei cuochi del sultano si presentò a un gruppo di amici che giocavano a scacchi, i quali lo invitarono a prendere posto. Si accomodò, prese parte al gioco e cominciò così a frequentarli nel suo giorno di riposo. Dopo il gioco li accompagnava a casa di quello che per turno riceveva, fino al giorno in cui gli chiesero di cucinare per loro come faceva per il sultano. Il giovanotto che riceveva voleva un sikbaj. Il cuoco del sultano allora gli domandò: ‘Chi cucina di solito per te?', 'Il mio domestico', rispose, e lo chiamò. Dopo averlo interrogato sul modo di preparare il sikbaj, il cuoco del sultano gli chiese di portargli la pignatta in cui aveva l'abitudine di preparare quel piatto. Quando l'ebbe vista, ordinò di pulirla bene con l'argilla. Il ragazzo lavò più volte il recipiente e ogni volta il cuoco del sultano annusava la pignatta, poi chiedeva che si ripetesse l'operazione, fino al momento in cui ordinò di lavarla con del sedano. Finalmente, dopo avere annusato la pignatta, disse: 'Bene, adesso è pulita ' e, sempre stando seduto a giocare a scacchi, disse al ragazzo di cucinare il piatto secondo le sue abitudini.


Biografia

Zaouali Lilia

Lilia Zaouali è nata nel 1960 a Sfax, in Tunisia. Parla e scrive in arabo, francese, italiano e inglese. Sociologa e antropologa tunisina. Ha insegnato Antropologia del Mondo Musulmano all’Università Paris-VII e presso la Sarah Lawrence American Academy. Si è dedicata allo studio della storia dei porti maghrebini e di alcuni gruppi etnici. Attualmente vive prevalentemente tra Tunisi, Parigi e Torino; collabora con la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università del Piemonte Orientale, Alessandria. Interessata alla Storia del cibo, collabora con l’organizzazione internazionale Slow Food. Tra le sue pubblicazioni: L’islam a tavola dal medioevo a oggi (Laterza, 2004); Il diario perduto di Leone l’Africano. Un Arabo in Occidente nel ‘500 (in «Dedica a Amin Maalouf», Associazione culturale per la prosa, 2002); Taifa dei Rais e Ordine dei Cavalieri di S. Stefano, potere e rappresentazione nelle città: un approccio comparativo (in «Atti del Convegno “L’Ordine di S. Stefano e il mare”», ETS, 2001). Attualmente Lilia Zaouali sta lavorando a Italiens de Tunisie. Tunisiens d’Italie (Cahiers du CIRCÉ, Sorbonne nouvelle).