Numero di utenti collegati: 3064

libri, guide,
letteratura di viaggio

11/08/2020 14:53:52

benvenuto nella libreria on-line di

.:: e-Commerce by Marco Vasta, solidarietÓ con l'HimÓlaya :::.

La morte della donna Wang

Spence Jonathan D.


Editeur - Casa editrice

Adelphi

Asia
Estremo Oriente
Cina

CittÓ - Town - Ville

Milano

Anno - Date de Parution

2002

Pagine - Pages

236

Titolo originale

The Death of Woman Wang

Lingua - language - langue

italiano

Edizione - Collana

Biblioteca Adelphi

Traduttore

Giovanni Ferrara degli Uberti


La morte della donna Wang La morte della donna Wang  

Dove potÚ mai fuggire la donna di nome Wang, rea di adulterio, prima di venire assassinata dal marito? Sicuramente lungo strade infestate da briganti, battute da venditori di tŔ, monaci taoisti, cantastorie itineranti. E sicuramente lontano dalla legislazione labirintica e spietata che, nella Cina del seicento, stringeva la donna in una morsa - non diversamente dalle bende che fasciavano i piedi delle concubine. ╚ in questo oscuro territorio, fra burocrazia e rituale, che Spence attira il lettore, e pi¨ precisamente nella contea di T'an-ch'eng (pinyin Tancheng), nel breve arco ti tempo che va dal 1668 al 1672. Ripercorrendo vicende rimaste impigliate in opache compilazioni di storia locale o trattati destinati alla formazione dei burocrati, e servendosi del contrappunto dim uno dei maggiori narratori del tempo, P'u Sung-ling (pinyin Pu Songling), Spence resuscita miracolosamente una societÓ devastata da cataclismi e carestie, in cui un sistema feudale fondato su un complesso apparato vessatorio deve ogni giorno far fronte a razzie e ribellioni. Ra ataviche querelles familiari e questioni d'onore risolte da una giurisprudenza di implacabile efferatezza, affiorano i ritratti di donne suicide o fuggitive, creature in eroica lotta contro un mondo maschile che le voleva muta merce di scambio, e di cui la donna Wang rappresenta l'esempio pi¨ alto e straziante. Ma in questo libro ritroviamo soprattutto l'arte mimetica di Spence, che, come giÓ nel mirabile Imperatore della Cina, riesce a far risuonare nelle laciniche testimonianze abbandonate ai margini della storia ufficiale la voce densa e irriducibile della Storia stessa.

 



Biografia

Jonathan D. Spence Ŕ nato in Inghilterra nel 1936. Insegna a Yale, come George Burton Adams Professor of History. Fra le sue opere ricordiamo: To Change China: Western Advisors in China 1620-1960 (1969); The Death of Woman Wang (1978); The Memory Palace of Matteo Ricci (1984).
Di Jonathan D. Spence Adelphi ha pubblicato anche Imperatore della Cina (1992) e La morte della donna Wang (2002). Mondadori ha pubblicato Il figlio cinese di Dio (1999)