Numero di utenti collegati: 1046

libri, guide,
letteratura di viaggio

09/08/2020 19:57:36

benvenuto nella libreria on-line di

.:: e-Commerce by Marco Vasta, solidarietà con l'Himàlaya :::.

Estate è crudele (L')

Zarmandili Bijan


Editeur - Casa editrice

Feltrinelli

Asia
Medio Oriente
Iran

Città - Town - Ville

Milano

Anno - Date de Parution

2007

Pagine - Pages

179

Lingua - language - langue

italiano

Edizione - Collana

I narratori

Amazon.it (Italia) - ordina e ricevi questa pubblicazione
L'estate è crudele

Estate è crudele (L') Estate è crudele (L')  

Un romanzo di passione amorosa e civile, ma al tempo stesso anche delicatamente poetico, che ha per protagonisti due giovani militanti nel partito d'opposizione al regime dello scià, negli anni settanta. La storia di Parviz e Maryam prende corpo attraverso la ricerca del figlio, Keivan, che da Teheran va a visitare Roma, la città nella quale i genitori si sono conosciuti e innamorati quando studiavano all'università; il suo viaggio è una porta aperta sulla vicenda che lega i due protagonisti attraverso l'amore ma complice anche una fede politica sentita come irrinunciabile ideale. Il lettore segue prima l'avventuroso viaggio di Parviz - richiamato in patria dal partito - da Roma a Teheran passando per la Germania, la Turchia, e infine il Kurdistan; poi assiste al ricongiungimento dei due giovani, in patria, sino al drammatico epilogo, nel quale entrambi trovano la morte per mano della Savak: Parviz viene ucciso nel corso di un'irruzione insieme agli altri compagni della sua cellula, Maryam viene invece arrestata e torturata. Non rinnegherà le idee per le quali ha combattuto neanche per salvarsi la vita (sebbene lasci orfano un bambino di pochi mesi), in un finale tragico e dolcissimo nel quale ritornano, come un Leitmotiv, i versi della poetessa Forugh Farrokhzad. La poesia, infatti, che della cultura persiana è elemento fondante, è un fil rouge che attraversa il romanzo dandogli luce e spessore.

 



Biografia

Zarmandili Bijan

Bijan Zarmandili Teheran, 1941 dal 1960 ha vissuto a Roma, dove ha studiato architettura e scienze politiche. Scomparso nel 2018. È stato per vent’anni fra i quadri dirigenti della sinistra iraniana in esilio e ha partecipato all’opposizione iraniana al passato regime dello scià. Ha cominciato l’attività giornalistica nel 1980, dopo la Rivoluzione islamica, ed è esperto di politica mediorientale per il gruppo EspressoRepubblica. Ha pubblicato saggi sul mondo iranico e le biografie di Mohammad Mossadegh e dell’Ayatollah Khomeini Cei 1974; Documenti di un dirottamento, sul caso dell’Achille Lauro Eri 1988.