Numero di utenti collegati: 1250

libri, guide,
letteratura di viaggio

26/02/2021 02:31:25

benvenuto nella libreria on-line di

.:: e-Commerce by Marco Vasta, solidarietà con l'Himàlaya :::.

Diario africano

Bryson Bill


Editeur - Casa editrice

Guanda

Africa
Africa del Nord
Africa del Sud

Città - Town - Ville

Parma

Anno - Date de Parution

2003

Pagine - Pages

88

Titolo originale

Bill Bryson's African Diary

Lingua - language - langue

italiano

Edizione - Collana

Quaderni della Fenice

Traduttore

Sonia Pendola


Diario africano Diario africano  

Dell'Africa Bill Bryson sapeva davvero poco, e quel poco lo aveva ricavato per lo più dai film di Jim della giungla interpretati dal mitico Johnny Weissmuller. L'occasione per rimediare a questa sua scarsa familiarità con il continente gli viene offerta da un'organizzazione umanitaria, CARE International, che gli propone di andare in Kenya a visitare i progetti avviati nel paese e di "scriverci su qualche riga". Deciso a unire l'utile al dilettevole, e incuriosito almeno quanto spaventato, Bryson accetta l'invito. E così, nel settembre del 2002, dopo essersi diligentemente impegnato a guardare "La mia Africa" e aver dato una controllatina alla sua polizza assicurativa, parte per Nairobi. "Diario africano" è il racconto di questo suo viaggio: un periodo di incontri inaspettati, inevitabili disavventure e continue scoperte, sballottamenti da una parte all'altra del paese, in macchina, in aereo e in treno, dalla miseria delle baraccopoli agli scenari grandiosi della Rift Valley, da misteriosi siti preistorici a piccoli villaggi rurali, in cui la costruzione di un pozzo rudimentale ha cambiato radicalmente la vita degli abitanti. Otto giorni che bastano a Bryson per capire che il Kenya è un posto magnifico, ricco di paesaggi mozzafiato e di persone straordinarie, che lottano quotidianamente contro la povertà, le malattie e il malcostume politico. Otto giorni che Bryson fotografa in questo suo breve diario con grande sensibilità, delicatezza e acume, e una giusta dose di irresistibile umorismo, confermandosi quel delizioso 'travel writer' che così tanti lettori ha appassionato nel mondo.