Numero di utenti collegati: 2105

libri, guide,
letteratura di viaggio

15/08/2020 06:57:18

benvenuto nella libreria on-line di

.:: e-Commerce by Marco Vasta, solidarietà con l'Himàlaya :::.

Le mele dell'immortalità

Fiabe armene

Uluhogian Gabriella


Editeur - Casa editrice

Guerini e Associati

Asia
Medio Oriente
Armenia
Caucaso

Città - Town - Ville

Milano

Anno - Date de Parution

2000

Pagine - Pages

156

Lingua - language - langue

italiano

Edizione - Collana

Carte armene

Amazon.it (Italia) - ordina e ricevi questa pubblicazione
Le mele dell'immortalità. Fiabe armene

Le mele dell'immortalità Le mele dell'immortalità  

Dove sono "le mele dell'immortalità"? Sonia Orfalian le ama tanto sin da quando era una bambina, così le ha cercate e quando ne ha trovato un albero pieno, dopo averle guardate e riguardate ha pensato di cogliere le più belle, di depositarle in un cesto ed infine di offrirle a tutti. "La mele dell'immortalità" sono diciotto fiabe armene scelte e tradotte da Sonia Orfalian in lingua italiana dall'originale raccoltà in lingua armena di "Fiabe popolari armene" a cura di Artashes Nazinian, pubblicato a Erevan nel 1956.
Durante la lettura di queste fiabe mi sono sentita letteralmente chiamata a far parte di un mondo incantato i cui protagonisti sono re in sontuosi palazzi, bellissime ragazze, come le Hurì, demoni dotati di innumerevoli teste difficilmente raggiungibili e, accanto a loro, persone con caratteristiche comunipresenti in tutte le epoche: il padre preoccupato per il futuro dei propri figli, la matrigna cattiva, i fratelli invidiosi, il pigro e il sapiente. ciò che differenzia queste fiabe dalle altre è la proiezione di questi personaggi in un mondo che per molti può essere diverso e lontano, ma per me estremamente vicino tanto da poter dire che sembrano essere parti di me. Grazie a questa raccolta ho infatti capito che le fiabe sono davvero l'espressione di un popolo, rappresentano la loro essenza e quindi sono la loro ricchezza, il loro tesoro: ciò che dona l'immortalità.
Questo è reso possibile dalla traduzione di Sonia Orfalian che accontenta sia i lettori italiani, che possono così avvicinarsi alla cultura armena, sia i lettori di origine armena, che possono riconoscere nel testo innumerevoli espressioni tipiche del linguaggio parlato armeno caratterizzate da una dolcezza e da una raffinatezza tale da lasciare il lettore occidentale senza parole. I protagonisti delle fiabe si muovono in un paesaggio tipicamente armeno dove le alte ed imponenti montagne difendono la popolazione tenendo lontani i demoni dalle innumerevoli teste e più in generale tutto ciò che rappresenta il male ...