Numero di utenti collegati: 2959

libri, guide,
letteratura di viaggio

28/10/2020 07:18:39

benvenuto nella libreria on-line di

.:: e-Commerce by Marco Vasta, solidarietà con l'Himàlaya :::.

Oltre e un cielo in più

Da una parte all'altra del mondo senza aereo

Sciortino Luca


Editeur - Casa editrice

Sperling & Kupfer

Asia
Asia Centrale
Mongolia
Cina

Città - Town - Ville

Milano

Pagine - Pages

237

Titolo originale

Oltre e un cielo in più. Da una parte all'altra del mondo senza aereo.

Lingua - language - langue

Italiano

Edizione - Collana

Varia

Amazon.it (Italia) - ordina e ricevi questa pubblicazione
Oltre e un cielo in più. Da una parte all'altra del mondo senza aereo.

Oltre e un cielo in più Oltre e un cielo in più  

In Mongolia tra greggi, ghiacci e venti siberiani
Recensione sul Sole 24.
Si può dire che uno dei più apprezzati e tradotti reportage narrativi italiani inizi con la scena dei cavalli nel lago Ladoga che arriva solo nel terzo capitolo. Sto parlando di “Kaputt” di Curzio Malaparte. I cavalli si sono buttati nel lago per fuggire l'incendio che divampa nella foresta finlandese e sono rimasti intrappolati da gelo. Per tutto l'inverno le loro teste spuntavano dalla lastra ghiacciata del lago, immobili come pedine su una scacchiera di marmo. Malaparte racconta nel suo stile surreale scene che sfidano l'incredulità, ma capita poi di scoprire che sono semplicemente realistiche.
E' quello che mi è successo leggendo il libro di Sciortino. Partito dalla Scozia e diretto a Tokyo via terra si è arenato in Mongolia. Come Malaparte, anche Sciortino ha una grande sensibilità per gli animali. Li nota e li descrive spesso molto bene. Il suo stile però è sintetico, procede con poche pennellate sicure, per sottrazione. Sciortino è giornalista scientifico di Panorama e appassionato di fotografia. In Mongolia gli spiegano che d'inverno le greggi seguono la direzione dei venti. Soffiano dalla Siberia verso la Cina. I pastori, le spalle rivolte al confine cinese, cercano di cacciarli indietro.
Lavoro durissimo: “Più di una volta è successo di trovare un'intera mandria di cavalli congelata. I pastori pensavano a un furto o ai lupi, ma poi si è scoperto che erano morti imprigionati in un acquitrino congelato. La teste spuntavano dal ghiaccio”.
In Cina Sciortino insiste per visitare un mercato e compra per +600 yuan (circa 70 euro) tre gattini in gabbia, destinati al macello, e li libera tra cespugli e bambù: “fuggirono a velocità supersonica”. Arrivato a Guilin, dove prenderà il treno per Shangai, si trova immerso nella folla dei turisti: “Quei turisti sanno cosa c'è nel mezzo, tra qui e il posto dove sono venuti?” Oltre e un cielo in più è la risposta a questa domanda.
Una risposta che si distende per 20mila chilometri, dall'isola di Skye, attraverso l'Europa, la Russia, il Turkmenistan, il Kazakistan, la Siberia, la Mongolia e la Cina, fino in Giappone. La parte migliore è quella dove il mondo del cavallo e della yurta si sostituisce a quella dell'aereo e del grattacielo. Ma la stufa non scalda abbastanza e bisogna ripartire portando con sé immagini dell'anima del mondo che serviranno superare il grigiore della vita quotidiana.

 

Consulta anche: 5 libri da regalare a viaggiatori sedentari

Consulta anche: 5 libri da regalare a viaggiatori sedentari