Clima

Home ] Su ] Newar ] Dove andiamo ] Ipotesi ] Mha Puja ] Festa del Tihar ] Info ai Partecipanti ] Come iscriversi ] Visto ] [ Clima ] Fusario ed effemeridi ] Elettricità ] Mountain Flight ] Redazionale AnM ] Leggere il Nepal ] Marco in Nepal ] Libri sul Nepal ] Marco in Nepal ] Attrezzatura ]

 

Kathmandu

A metà ottobre inizia la stagione secca e le giornate sono in genere soleggiate, anche se è sempre possibile il passaggio di qualche perturbazione, ma con ridotto rischio di pioggia. Novembre offre cieli sereni e visibilità ottima.

Molto diversa la situazione in estate, da giugno ai primi di ottobre, quando il monsone influenza pesantemente il tempo del paese e le piogge sono frequenti. In questo periodo, perciò, solo raramente si possono godere le splendide vedute della catena Himalayana (pressoché garantite invece nella stagione secca), che sono una delle attrattive delle città e dei villaggi attraversati, situati sempre in posizioni altamente panoramiche.  A fronte di cieli spesso tersi, i mesi invernali portano però anche il fenomeno di nebbie mattutine nelle basse valli, in particolare a Kathmandu e Pokhara. Spesso si tratta di nebbia alta, che nelle prime ore del mattino forma una cappa compatta di nubi, ma basta alzarsi di poche centinaia di metri per ritrovare il sole: dagli alti villaggi del tour è fantastico lo spettacolo dell'alba sul bianco mare di nubi sottostante, soprattutto se sovrastato da vette ghiacciate, indorate dal primo sole.  La nebbia si dissolve poi rapidamente ed entro le 10.00 anche nel fondovalle ritorna il sereno.

Meteo ] Sito Ufficiale ] T° Medie 2011 ] Medie annuali ]

Per quanto riguarda le temperature, I mesi migliori per visitare il Nepal sono ottobre e novembre, quando il monsone è finito, il cielo è terso, le temperature sono miti e le montagne si vedono a perdita d’occhio. In questi mesi le rotte dei trekking sono molto battute, soprattutto quelle che partono da Pokhara verso la regione dell’Annapurna. I colori dominanti sono l’ocra e i marroni della terra dove è appena stato colto il riso e il bianco delle cime dell’Himalaya che finalmente si fanno vedere.

Dicembre e gennaio sono i mesi più freddi, ma le giornate restano abbastanza miti e nelle ore più calde a Kathmandu (1350 m) si possono raggiungere anche i 20 °C. Esiste però una grossa escursione termica e di notte la temperatura precipita rapidamente verso i 5 °C.  Un po' più miti altre località, come Pokhara, Gorkha o Bandipur, che si trovano a quote inferiori e che possono raggiungere anche i 22-24 °C di giorno ed i 7-10 °C di notte. 

A gennaio le notti diventano invece gelide nei villaggi più alti, come Ghalegaon e Barpak, intorno ai 2000 m, dove si può arrivare anche a 0 °C; all'alba si possono quindi trovare delle gelate, ma il sole scalda in fretta e per le 9.30 si comincia già a star bene, fino a raggiungere i 18-20 °C nelle ore più calde, mentre con cielo coperto le temperature in genere non salgono oltre i 15 °C.

il sito di marco vasta

lento pede ambulabis

Kailash ] Everest View Trek ] Kathmandu 2071 ] Bhutan ] Asiastan Breve ] Armenia ] Nubia 2013 ] Oman Breve ] Zanskar, cuore segreto del Ladakh - 2013 ] KD 2013 ] Nepal sconosciuto ] Orme di Tamerlano ] Rub al Khali  2013 ] Zanskar 2012 ] Zanskar 2011 Lamayuru a Padum ] Tchadar 2011 ] Ladakh 2010 ] Mera PeakTrek 2010 ] Rolwaling ] Monlam 2010 ] Laos 2009 ] Zanskar remoto ] Gilf-El-Kebir ] Nepal 2009 ] tChadar 2009 ] Socotra 2008 ] Zanskar 2008 ] il sentiero di ghiaccio ] Oracoli  e sciamane ] Ladakh 2006 ] Namib - Namibia - 2005 Vasta ] Namib - Namibia - 2006 Vasta ] Hemis e Zanskar 2003 ] Namus 2002 ] Zanskar 2002 ] Ladakh 2000 ] Auker 99 ] Nubra 98 ] Ladakh 99 ] Tibet 97 ] Libia 90 ] India del Sud ]

Visitatori in linea: 2106

1244  persone hanno letto questa pagina