Numero di utenti collegati: 1759

libri, guide,
letteratura di viaggio

14/07/2024 05:49:41

benvenuto nella libreria on-line di

.:: e-Commerce by Marco Vasta, solidarietà con l'Himàlaya :::.

Uomini del Cervino

100 anni di storia alpinistica dall'esplorazione alla conquista

Fantin Mario


Editeur - Casa editrice

Nordpress

Alpi
Alpi
Alpinismo


Anno - Date de Parution

2003

Pagine - Pages

272

Lingua - language - langue

italiano

Edizione - Collana

Campo base

Curatore

Massimiliano Magli


Uomini del Cervino Uomini del Cervino  

Nel 1965, in occasione del primo centenario della salita alla cima del Cervino, Mario Fantin realizzò un'interessante opera celebrativa.
Questa nuova pubblicazione parte da quel volume. Offre una storia di umanità diverse e diversamente motivate nella conquista del Cervino, e non più, quindi, una semplice cronologia delle imprese di Jean-Antoine Carrel ed Edward Whymper.

Gli uomini del Cervino... i volti di esploratori, alpinisti, guide, portatori, intellettuali, sacerdoti e narratori: tutti coloro che, in qualche modo, hanno "toccato" quelle pareti.
È un libro fatto di volti ed esistenze che si tramutano nella storia di una montagna. Ecco, quindi, la scelta di riproporre quegli sguardi in una ricca carrellata fotografica, immersa in esistenze quotidiane ancor prima che in gesti eroici.

 



Biografia

Nato a Bologna da genitori friulani, Mario Fantin ha scoperto la montagna e l’alpinismo a 26 anni. Ha partecipato alla seconda guerra mondiale combattendo sul fronte albanese. Si è avvicinato alle Alpi dopo un corso di alpinismo, documentando le proprie ascensioni con la macchina fotografica: fu l’inizio di una lunga avventura come alpinista, fotografo e cineasta.
Nel 1954 ha partecipato alla spedizione italiana al K2 per la quale ha realizzato la parte documentaria del film Italia-K2 e il libro-diario K2 Sogno vissuto. E’ stato protagonista di numerose spedizioni alpinistiche (oltre trenta) ed etnografiche extraeuropee nelle Ande, nel Sahara, nell’Africa equatoriale, in Groenlandia: in queste occasioni ha realizzato una cinquantina di film-documentari in cinque lingue, oltre a scattare alcune migliaia di fotografie.
Ha pubblicato una ventina di opere monografiche e un centinaio di pubblicazioni sull’alpinismo extraeuropeo, sull’esplorazione e l’etnografia.
Nell’autunno 1967, a Bologna, ha fondato il Centro Italiano Studio Documentazione Alpinismo Extraeuropeo con lo scopo dichiarato di raccogliere, conservare, elaborare, valorizzare, studiare e pubblicare quanto si riferisce all’alpinismo italiano nel mondo e all’alpinismo straniero. Utilizzando questo grande archivio del Cisdae, che ha alimentato continuamente con nuova documentazione (alla sua morte conteneva decine di migliaia di fotografie, documenti, dati, cartine, testimonianze), Mario Fantin ha realizzato opere sull’alpinismo italiano nel mondo, sulle montagne e i ghiacciai di Africa e Groenlandia, su popolazioni autoctone di varie parti del pianeta. È morto a Bologna nel 1980, all’età di 59 anni.