Numero di utenti collegati: 1239

libri, guide,
letteratura di viaggio

14/06/2024 15:17:59

benvenuto nella libreria on-line di

.:: e-Commerce by Marco Vasta, solidarietÓ con l'HimÓlaya :::.

I racconti della Kolyma

Salamov Varlam


Editeur - Casa editrice

Adelphi

Asia
Asia Centrale
Siberia


CittÓ - Town - Ville

Milano

Anno - Date de Parution

1999

Pagine - Pages

632

Lingua - language - langue

Italiano

Edizione - Collana

Gli Adelphi

Traduttore

M. Binni

Amazon.it (Italia) - ordina e ricevi questa pubblicazione
I racconti della Kolyma

I racconti della Kolyma I racconti della Kolyma  

Racconti spesso molto brevi, dedicati a un qualche "caso" della vita quotidiana nella funesta regione dei lager della Kolyma: un'occasione di abbruttimento, depravazione, assurditÓ, barbarie, abiezione, pietÓ, solidarietÓ, coraggio, lotta per la sopravvivenza, resa, morte; una qualsiasi delle occasioni che hanno segnato il destino di milioni di esseri umani (decine di milioni: non conosceremo mai il loro numero) nella Russia sovietica.
Nulla riscatta l'orrore di questo macabro mondo, neanche la natura, che con la sua asprezza sembra allearsi con gli aguzzini per facilitarne il compito, una natura maligna che ruba le ultime briciole di umanitÓ. Eppure a quella natura Salamov sa dare anima in subitanei, velocissimi squarci visionari, e la cosa crudele che circonda i prigionieri prende vita e testimonia di una lotta tra forze primordiali in cui l'uomo Ŕ soltanto timida comparsa. Ognuno, dopo aver letto questo libro, sperimenterÓ la morbosa ossessione del pane che ispira le cronache dei campi di concentramento. Ma si chiederÓ anche perplesso da dove, da chi venga a Salamov quella tenera ironia che a tratti illumina l'universo torturante che gli diede in sorte la storia. "I racconti della Kolyma" apparvero per la prima volta in volume nel 1978 in Occidente e nel 1992 in Russia.
Varlam Salamov, nato a Vologda nel 1907 e morto a Mosca nel 1982, Ŕ stato scrittore, poeta e giornalista. Figlio di un prete ortodosso e di un'insegnante, lasci˛ la famiglia per studiare Giurisprudenza. Dal 1927 svolse attivitÓ d'opposizione al regime staliniano, fu arrestato e deportato per la prima volta in un campo di lavoro a nord dell'Ural. Liberato nel 1932, torn˛ a Mosca, dove intraprese l'attivitÓ giornalistica, scrisse poesie e racconti, ma nel 1937 fu nuovamente arrestato e deportato nella Kolyma, in Siberia. Fu riabilitato nel 1957 e da allora venne autorizzata in Russia solo la pubblicazione di qualche breve raccolta di poesie. Solo alla fine degli anni Ottanta, dopo la sua morte.