sei in percorso Home » viaggi » Mangystau

il sito di marco vasta

lento pede ambulabis

Viaggi 2022 Edizione 2023 Mangystau Uzbek Come iscriversi INFO PDF Logistica WebChekIn-TK Meteo Mappe Oronimi

Mangystau

con AnM e Marco Vasta nel più colorato dei deserti dipinti

1a ediz. 28/5-5/6 22 / 2a ediz. 3-11 set 22 / 3a ediz. 26/8- 3/9 23 / 4a ediz.  13-28 aprile 2024

Guida al Mangystau

e Kazakistan in breve: cultura, società, guida in viaggio

Ultima modifica: 09/01/2024 15:56:45

Messaggia su WhatsApp

Newsletter

Clicca sull'immagine per aprire il video prodotto da Sergey Khachatryan.

 

 

Manghystau letteralmente terra dei mille rifugi invernali (1), rifugi delle tribù nomadi, degli sciamani, degli anacoreti sufi, un deserto abitato fin dal neolitico, ma forse anche prima.

La presentazione pubblicitaria offre soprattutto immagini con la visione dall'alto. Sono quadri che incantano. Il contrasto cromatico fra i bassi strati di deposito orizzontali è affascinante. Fotografie e filmati realizzati con il drone regalano meravigliose illustrazioni per gli schermi, ma non è quella la prospettiva inebriante del paesaggio di cui godrai affacciandoti su uno sperone di roccia o navigando a bordo  di una 4x4.

Ho viaggiato tre volte in Mangystau apprezzando l'aspetto meno conosciuto, quello delle minuscole moschee ipogee e soprattutto immergendomi nella vita da campo con i suoi ritmi.

 

bullet

Nella terza edizione, è stata introdotta introdotta una visita ia Tre Fratelli ed alla parte meridionale del Parco dell'Ustyurt modificando il redazionale.

bullet

La 4a edizione visita il lago Tubzair nell'ultima tappa prima di raggiungere la stazione ferroviaria di Beyne

 

 

La depressione di Zhygylgan con impronte fossili - Il canyon di Kapamsay - Le antiche moschee sotterranee e le necropoli islamiche - Le  sfere di pietra della Valle di Torish - Sufi, mistici e dervisci del Mangyshlak - Lo sperone di Sherkala: il “Leone di Roccia” - Il lago salato di Tuzbair - Le bianche formazioni calcaree di Bozzhira - La Montagna Bokty e le stratificazioni rosee di Kyzylkup.

 

In poche parole un Viaggio, con la V maiuscola!!!

Note

(1) Asima G. Кoshim, Aigul M. Sergeyeva, Roza T. Bexeitova, Aliya S. Aktymba Landscape of the Mangystau region in Kazakhstan as a geomorphotourism destination: a geographical review. in GeoJournal of Tourism and Geosites

Girato, montato e prodotto da Sergey Khachatryan.

Visitatori in linea: 2499 su tutte le pagine di www.marcovasta.net

10724  persone hanno letto questa pagina

dal 3 febbraio 2020