il sito di marco vasta

lento pede ambulabis

Prossimi viaggi ] Il passato on line ]
Tsum Valley Trek
10 - 30 marzo 2018

[ Tsum Trek ] Etiopia Storica ]

Su ] Redazionale AnM ] Tappe ] Mappe ] Leggere il Nepal ] Marco in Nepal ] Satellitare ]

 

Benvenuta e benvenuto in queste pagine.

 

"Lento pede ambulabis" è un motto della Scuola Salernitana, e se pur riferito alla digestione è ormai il mio motto preferito poiché con l'avanzare dell'età desidero godermi appieno i paesaggi e gli incontri, con calma... senza correre e affaticarmi.

In un'altra pagina del sito troverai la ipotesi di programma. È una ipotesi e quindi modificabile, ma è la traccia su cui vorrei muovermi.

Mi piace girovagare per le montagne del Nepal ed affrontare nuovi itinerari visitando valli remote. Tsum è uno di questi luoghi che vorrei visitare con il mio lentissimo passo. La valle mi incuriosisce perché è uno dei Beyul (སྦས་ཡུལ), le valli nascoste che Padmasambhava, il mitico missionario taumaturgo, aveva benedetto come rifugi. I Terton (gli scopritori di "tesori", secondo le credenze del Buddhismo tibetano) possono rivelarli da terma in momenti specifici e appropriati. La Tsum Valley è il Beyul Kyimolung, la valle della felicità. Tsum deriva dalla parola tibetana tsombo che esprime il concetto di vivida e intensa felicità nella forte fede e pratica del Buddhismo.

La tradizione racconta che gli Tsum-pa, la popolazione locale, discendano dall'etnia nomade tibetana dei Tam-ba, ancora oggi parlano un loro dialetto e praticano la poliandria. A causa della sua lontananza e l'inaccessibilità, questa valle sacra ed i suoi abitanti sono stati per secoli lontano da qualsiasi sviluppo. Il risultato è una cultura unica rimasta intatta. Un vero e proprio angolo dimenticato del mondo!.

La prima volta che ho visto immagini della valle è stata in un breve film, "Unmistaken Child", storia del monaco Tenzin Zopa inviato dal Dalai Lama a cercare la reincarnazione del maestro Lama Konchog. Il film che narra le perplessità del  monaco ed i dubbi dell'inviato sul distacco del bimbo dalla famiglia e dal suo ambiente (leggi recensione New York Times). Il regista israeliano Nati Baratz  lo aveva presentato al San Francisco Film Festival, a Toronto ed alla Berlinale.

Monaco e bimbo se ne vanno in elicottero... Mi sono informato sul costo, noi torneremo a piedi.

 

Visitatori in linea: 2519

89  persone hanno letto questa pagina