un libro per sognare

11/07/2020 08:03:54

Africa 
MV's Bookstore   
Un libro nello zaino

Pagina in aggiornamento continuo

Indietro - torna alla pagina precedente
sei sei in  percorso Home » libreria » Africa

Là dove il mito vive
AA.VV.

Editeur - Casa editrice

Moretti & Vitali

Africa
Africa Occidentale
Mali

Anno - Date de Parution

2003

Pagine - Pages

144

Lingua - language - langue

italiano

Edizione - Collana

Andar per storie

Prefazione

Giuliano Corti


Là dove il mito vive  

Le narrazioni mitiche in occidente sono ormai sommerse, obsolete, trascurate, eppure nel nostro procedere di terapeuti della psiche e di analisti del profondo noi continuiamo a imbatterci nel mito attraverso sogni e amplificazioni, immaginazioni attive e risonanze dei simboli. Anche nella malattia e nelle crisi che sbriciolano le protesi e incrinano il cuore spesso è un mitema a indicare la via da seguire, la diagnosi e la prognosi: il mito è una narrazione altra, che non conforta ma comprende, e nel suo ampio spettro accoglie cecità e rivelazione, delitto e innocenza, incesto ed erranza, ineluttabilità e presenza. Asse portante quindi dell'Essere, e dell'Essere costitutivo, il mito non è un'opzione, tanto meno per chi affronta il problema della cura.
Questo quaderno raccoglie intense riflessioni sul tema, motivate e ravvivate dall'incontro con la parola di Apam Dolo, guida dogon che vive immerso nella tradizione orale della falesia che taglia il Subsahara. Nella sua terra il mito non è reperto, detrito e frammento, sfondo o reminiscenza, ma è presente, palpabile e percepibile: anzi, inevitabile. Il mito permea il linguaggio, il sociale, l'amore tra i sessi, la generatività e il rispetto per la saggezza anziana, le regole dell'ospitalità e i passi della danza. Ogni oggetto, ogni pietra, ogni albero, ogni essere animato- dall'animale all'uomo agli spiriti- è un crocevia, un passaggio continuo di essenze e presenze, una testimonianza viva delle trame e dei flussi invisibili che ci attraversano. L'incontro con una dimensione così straordinariamente differente dalla nostra ha permesso di rivisitare in profondità i presupposti del nostro saper-fare terapeutico, e di ritrovare le figurazioni tipiche e mitiche del nostro mondo e della nostra storia.

“Mito in senso stretto significa “parola”, parola che racconta, che narra, consiglia, dispone alla vita, parola che si compone in un racconto, parola capace di favoleggiare e descrivere, parola che pare una dimensione avventurosa e che costruisce mondo, mondo reale e mondo fantastico, perché il mito ricostruisce un mondo raccontandone le origine e le ragioni, i dubbi e le certezze, i fatti e le leggende.
La parola che racconta (mito) in qualche misura si oppone alla parola che spiega, che tratta, che argomenta, che saggia, che analizza e definisce, che svolge e sciorina, a quel Logos che rischiara e svolge. La luce del mito è meno chiara e meridiana di quella del logos perché il mito è la luce del mattino, la luce dell’alba e del tramonto, una luce meno tagliente e netta, una luce che allunga le ombre e quindi accoglie mondo e lo mostra nella sua profondità di campo perché non abbaglia” (Guliano Corti dalla prefazione a “Là dove il mito vive”)

 



Recensione in lingua italiana

Indice:
La parola che racconta, di Giuliano Corti;
Cosmogonia dogon, di Piero Coppo;
Il sogno mitico, di Marco Gay;
Dove il mito vive, di Giulia Valerio;
Seminario con Apam Dolo;
L'io declinante e l'ombra: un mito moderno della singolarità, di Marco Gay.


Torna all'elenco dei libri sull'Africa