Numero di utenti collegati: 2793

libri, guide,
letteratura di viaggio

05/07/2020 05:54:49

benvenuto nella libreria on-line di

.:: e-Commerce by Marco Vasta, solidarietÓ con l'HimÓlaya :::.

Il terzo occhio

Lobsang Rampa


Editeur - Casa editrice

Oscar Mondadori

  Asia

Tibet

CittÓ - Town - Ville

Milano

Titolo originale

Third Eye

Lingua - language - langue

italiano

Amazon.com (United States) - order this book
Third Eye

Il terzo occhio Il terzo occhio  

Spazi infiniti, riti esoterici e misteriosi, lama dai poteri occulti: quanti di noi hanno sognato i monasteri della lontana HimalÓya leggendo Tuesday Lobtsang Rampa, Il terzo occhio, Oscar Mondadori. Le esperienze paranormali del monaco tibetano rappresentano un vero e proprio corso dĺesoterismo lamaista. Purtroppo pochi sanno che questo romanzo Ŕ una mistificazione che ha illuso migliaia di lettori con la descrizione di un Tibet inesistente ed ha contribuito a diffondere la leggenda che i lama abbiano poteri magici.
Insospettiti da molte incongruenze diversi viaggiatori che erano vissuti a Lhasa negli ultimi anni '40, dopo aver ripetutamente cercato di incontrare di persona l'autore, assunsero addirittura un investigatore che alla fine ne scoprý la vera identitÓ. Cyril Henry Hoskin, morto nel 1981, era un cartomante inglese che trov˛ modo di vivere scrivendo questo romanzo ed i quattro seguenti secondo il motto źdai alla gente ci˛ che desidera╗: ecco quindi Lobsang divenire monaco ed essere poi iniziato a poteri sempre pi¨ magici, ma nuove emozioni necessitano al lettore ed ecco il nostro eroe combattere contro i giapponesi e successivamente, con l'inizio della guerra fredda, essere angariato dai comunisti russi e da quelli cinesi, per rifugiarsi alla fine negli Stati Uniti... Vicende che sono in parte plausibili, ma il geniale e fantasioso autore non Ŕ mai stato in Tibet!

 

Consulta anche: Fictitious Tibet: The Origin and Persistence of Rampaism (Tibet Society Bulletin, Vol. 7, 1974)

Recensione in altra lingua (English):

The Third Eye
This book, written by Tuesday Lobsang Rampa, purported to be Rampa's autobiographical tale of his study and mastery of Tibetan Buddhism. Rampa claimed to have been born into a wealthy Tibetan family, to have studied in Lhasa to become a lama, and then to have undergone an operation that opened up the "third eye" in the middle of his forehead, thus giving him psychic powers. A group of Tibetan scholars in Britain hired a detective, Clifford Burgess, to determine whether or not Rampa's story was true. Burgess discovered that Rampa had never been to Tibet, nor had he had any operation done to his forehead. Instead Rampa was actually Cyril Henry Hoskins, born in Devon, England, and son of a plumber named Joseph Henry Hopkins. Cyril had studied the occult in his spare time, grew a beard, shaved his head, and began referring to himself as "Dr. Kuan-suo." When confronted with this evidence, Cyril declared that his body had been taken over by Rampa's spirit, and that the information in his books was true. Rampa wrote twelve more books before his death in 1981, but none sold as well as The Third Eye.


Consulta anche: Fictitious Tibet: The Origin and Persistence of Rampaism (Tibet Society Bulletin, Vol. 7, 1974)