Numero di utenti collegati: 2001

libri, guide,
letteratura di viaggio

29/09/2023 13:32:35

benvenuto nella libreria on-line di

.:: e-Commerce by Marco Vasta, solidarietÓ con l'HimÓlaya :::.

L'orda

Quando gli Albanesi eravamo noi

Stella Gian Antonio


Editeur - Casa editrice

Rizzoli

America del Nord
America del Sud
USA

CittÓ - Town - Ville

Milano

Anno - Date de Parution

2002

Pagine - Pages

277

Lingua - language - langue

italiano


L'orda L'orda  

Ni mesi scorsi, per caso, ho assistito in TV ad uno dei tanti talk show: che amarezza ascoltare Leo Gullotta che leggeva i passi di un libro e guardare l'espressione sprezzante dei razzisti di turno che lo ascoltavano con aria annoiata. Gullotta leggeva brani tratti da L'orda, recentemente pubblicato da Gian Antonio Stella. Un libro che ripropone tutti gli stereotipi diffusisi in Italia a partire da un enorme vuoto nella nostra memoria collettiva.
Stella ha effettuato una ricerca che attenti lettori hanno definito "straziante" perch・ripercorre la storia dell弾migrazione italiana all弾stero e quindi ・anche un fare i conti con se stessi (Stella ・veneto, di quel Veneto che oggi non ricorda, nega o ・peggio ・idealizza tempi che certo non meritano tale sorte), con i propri padri e quindi anche con il proprio futuro.
ォLa feccia del pianeta, questo eravamo. Meglio: cos・eravamo visti. Non potevamo mandare i figli alle scuole dei bianchi in Lousiana. Ci era vietato l誕ccesso alle sale d誕spetto di terza classe alla stazione di Basilea. Venivamo martellati da campagne stampa indecenti contro questa maledetta razza di assassiniサ, scrive Stella nell段ntroduzione.
Stella racconta con brutalit・ Tutto ci・che noi oggi addebitiamo agli immigrati extracomunitari, tutte le malefatte di cui li accusiamo, tutte, nessuna esclusa, le abbiamo vissute anche noi.
Esempi documentati non mancano. Anche noi abbiamo venduto i bambini per fame, li mettevamo in mano a negrieri che li affamavano ancora di pi・per stiparli meglio nelle navi. Abbiamo riempito di giovani donne i bordelli del citt・del Nord Africa dove queste arrivavano pensando di andare a fare le cameriere e in breve si trovavano vendute ai ricchi locali che le cercavano soprattutto bionde. E possibilmente bambine.
Accusiamo gli immigrati di rubare il pane? Lo abbiamo fatto ovunque. Di far lavorare i bambini? Fatto anche questo. Di fare troppi figli? Gli Italiani in Australia arrivano spesso a dieci figli per famiglia. Abbiamo esportato criminalit・organizzata a quintali ed i passeur sulle Alpi avevano la tradizione di sbattere gi・dai burroni i connazionali che guidavano all弾stero. Esattamente come gli scafisti magrebini o gli albanesi oggi. E terroristi? Si, anche terroristi: un italiano fece saltare in aria Wall Stret 80 anni prima di Bin Laden: 32 morti e 200 feriti.
Le popolazioni dove emigravamo ci vedevano esattamente come oggi gli molti italiani vedono gli stranieri: babis (rospi), blackdago (accoltellatori neri), guinea (africani), mafia-mann (non occorre traduzione), katzelmacher (fabbrica gatti, ovvero persone che fanno figli in numero altissimo come i gatti). Per non parlare poi delle vignette apparse all弾poca sui giornali stranieri e che Stella riporta nel suo volume che ci descrivevano come scimmie, topi di fogna.
Stella sostiene che la generazione degli "schei" (soldi, in dialetto veneto, titolo di un precedente libro di Stella dedicato alla generazione dei nuovi veneti, tutti dediti alle loro fabbrichette del mitico nord-est) ha compiuto una enorme e radicale rimozione sulla quale ha costruito una pretesa superiorit・nei confronti dei nuovi cittadini che vivono nelle nostre citt・
E a chi volesse farlo, anche in rete, consiglierei una visita al sito www.ellisisland.org. Forse troverete qualche parente, qualche compaesano, emigrati in compagnia di Umberto Bossi, Giulio Tremonti, Roberto Maroni.

Cercare per credere!

 

Consulta anche: Ellis Island - 22 milioni di immigrati passano la Porta d'oro


Recensione in lingua italiana

Gian Antonio Stella Ŕ una delle firme pi¨ note e brillanti del "Corriere della Sera" e ha scritto diversi libri tra i quali i bestseller Schei, Dio Po, Lo spreco, Chic e Trib¨.

Consulta anche: Ellis Island - 22 milioni di immigrati passano la Porta d'oro