-->

libri, guide,
letteratura di viaggio

20/11/2019 23:44:30

benvenuto nella libreria on-line di

.:: e-Commerce by Marco Vasta, solidarietÓ con l'HimÓlaya :::.

La biblioteca del marajÓ - Soliloqui

Eliade Mircea

Editeur - Casa editrice

Bollati Boringhieri

  Asia
India

Anno - Date de Parution

1991

Pagine - Pages

160

Titolo originale

Biblioteca maharajahului. Solilocvii

Lingua - language - langue

italiano

Edizione - Collana

Varianti

Ristampa - RÚÚdition - Reprint

1997

Traduttore

Cristina Fantechi

acquista in Italia tramite IBS
La biblioteca del marajÓ-Soliloqui


La biblioteca del marajÓ - Soliloqui La biblioteca del marajÓ - Soliloqui  

Due libri raccolti insieme. Il primo scritto, La biblioteca del maharaja, appartiene alla "trilogia indiana", con "India" (1934) e "Diario d'India" (1935). I testi, di carattere prevalentemente diaristico, risalgono al 1928, 1929 e 1933. Il poco pi¨ che ventenne Eliade giunge in India passando per l'Egitto, il Mar Rosso, Ceylon. Dal cielo del Mediterraneo che risplende su Alessandria e sul Cairo alla desolazione rotta dal "passo ammaliante" dei cammelli, dal campione di umanitÓ che offre la traversata in terza classe all'eden cingalese che stordisce con l'odore "selvaggiamente crudo, intenso, violento" delle sue foreste, fino all'India intemporale, il libro si costruisce attraverso sottili notazioni d'ambiente che nulla concedono all'esotismo e prendono talora - Ŕ il caso del processo a Gandhi - la forma del reportage. In brevi pensieri a margine si annuncia poi la grandezza del futuro storico delle religioni, come nel rifiuto di ogni tentativo 'mondano' di conciliarle con i tempi, di addolcire quell'aspetto "assurdo, grottesco, barbaro, insopportabile, umiliante" che le rende incomprensibili a molti. Nel secondo testo, "Soliloqui" (1932), un pensiero monologante, "nato e organizzato in solitudine", continua a riflettere su questioni religiose o non lontane dalla sfera

 



Biografia

Eliade Mircea

Mircea Eliade nacque a Bucarest nel 1907. Si form˛ come filosofo e storico delle religioni all'UniversitÓ di Bucarest, sotto l'influenza di N. Ionescu. Negli anni 1927-28 fu a Roma dove potÚ assistere alle lezioni di G. Gentile. Studi˛ poi all'UniversitÓ di Calcutta con S. Dasgupta e nell'eremitaggio di Rishikesh sull'Himalaia. Fu addetto culturale rumeno prima a Londra, nel 1940-41, e successivamente a Lisbona (1941-1944). Dopo la seconda guerra mondiale si trasferý a Parigi dove insegn˛ all'╔cole des Hautes ╔tudes e nel 1957 ottenne la cattedra di storia delle religioni all'UniversitÓ di Chicago. ╚ morto a Chicago il 23 aprile 1986. Oltre ad aver scritto alcune opere generali di storia delle religioni (Trattato di storia delle religioni, 1949, e Il mito dell'eterno ritorno, 1949), Eliade Ŕ ricordato come uno dei maggiori specialisti dello sciamanesimo, dello yoga e dei rapporti tra magia e alchimia. Le sue opere principali sono: Lo sciamanesimo e le tecniche dell'estasi (1951); Lo yoga. ImmortalitÓ e libertÓ (1954); Alchimia asiatica, (1935-1937); Arti del metallo e alchimisti, (1956); Il sacro e il profano, (1956).