Numero di utenti collegati: 5665

libri, guide,
letteratura di viaggio

04/12/2022 16:15:34

benvenuto nella libreria on-line di

.:: e-Commerce by Marco Vasta, solidarietà con l'Himàlaya :::.

Il grido invisibile

La vita negata delle donne afghane

Tortajada Ana


Editeur - Casa editrice

Sperling Paperback

Asia
Afghanistan
Afghanistan

Città - Town - Ville

Milano

Anno - Date de Parution

2003

Pagine - Pages

295

Titolo originale

El grito silenciado

Lingua originale

Lingua - language - langue

italiano

Edizione - Collana

Saggi paperback

Traduttore

Carmen Alborch


Il grido invisibile Il grido invisibile  

La seta ha il colore della pioggia ed è orlata con cura. A osservarlo, sembra impossibile che un indumento sia simbolo di tanto dolore, però questo è il burka che marchia le donne afghane come esseri inferiori, indegni di guardare in faccia il mondo.
Come può essere la vita attraverso un velo? Qual è il prezzo che la popolazione femminile deve pagare al regime talebano?
La giornalista spagnola Ana Tortajada ci consegna la visione di un Paese dove il governo toglie alle donne libertà e dignità: non hanno infatti più diritto all'istruzione, né ad alcuna partecipazione alla vita economica, politica e sociale.

 



Recensione in lingua italiana

Nell'estate del 2000, la giornalista spagnola Ana Tortajada intraprende un lungo viaggio in Afghanistan: le condizioni disumane del Paese, in particolare quella delle donne, l'hanno spinta a scrivere questo libro, che resterà nel tempo come una delle accuse più dure al regime dei talebani e anche fra le testimonianze più toccanti sulla vita della popolazione femminile, di cui il burka rappresenta il tragico emblema. Laggiù, alle donne veniva negato il diritto all'istruzione; non potevano partecipare alla vita economica e sociale, né godere di un'adeguata assistenza sanitaria e neppure riunirsi, parlare o ridere ad alta voce. Eppure molte di loro si erano organizzate segretamente per scambiarsi aiuto e solidarietà e le più colte avevano fondato scuole clandestine per accogliere chi non sapeva né leggere né scrivere. Un libro straordinario, un documento che non perde d'attualità, perché se in Afghanistan la situazione è in parte migliorata, sotto altri cieli e altri regimi permangono analoghe violenze e discriminazioni.


Biografia

Tortajada Ana

Ana Tortajada, catalana, si è laureata in Filologia e Letteratura spagnola in Germania, dove ha vissuto per quattro anni. Autrice di un romanzo storico, traduttrice e giornalista appassionata delle realtà sociali degli altri Paesi, ha intrapreso nell'estate 2000 il viaggio in Afghanistan. Nel 2002 ha iniziato la sua avventura negli accampamenti sahrawi di Tindouf. In Italia è pubblicata da Sperling & Kupfer.