Numero di utenti collegati: 8700

libri, guide,
letteratura di viaggio

07/12/2022 01:10:00

benvenuto nella libreria on-line di

.:: e-Commerce by Marco Vasta, solidarietà con l'Himàlaya :::.

La civiltà Maya

Thompson J. Eric


Editeur - Casa editrice

Einaudi

America
America Centrale
Messico

Città - Town - Ville

Torino

Anno - Date de Parution

1994

Pagine - Pages

356

Titolo originale

Maya History and Religion (Civilization of the American Indian Series)

Lingua originale

Lingua - language - langue

italiano

Edizione - Collana

Einaudi Tascabili (Saggi)

Traduttore

Ugo Tolomei

Curatore

Alberto Guaraldo

Amazon.com (United States) - order this book
Maya History and Religion (Civilization of the American Indian Series)

La civiltà Maya La civiltà Maya  

Mentre l'Europa, nei secoli che vanno dal 300 al 900 d.C., era dilaniata da guerre sanguinose, nel Nuovo Mondo si stava sviluppando in tutto il suo splendore l'antica civiltà dei Maya. Furono i secoli dei grandi monumenti, della crescità delle civiltà, e della costruzione di piramidi e di templi, molti dei quali sono ancora oggi conservati. In questo libro, il maggiore studioso di quel mondo ricostruisce l'ascesa e il declino dei Maya, sulla scorta di anni di studio e di ricerche sul campo: le strutture politiche e sociali, le arti plastiche e la scrittura, le conoscenze astronomiche, gli usi e i modi della vita di ogni giorno, i culti religiosi... Thompson riesce a comunicare al lettore tutto il fascino di un popolo pacifico che fu tragicamente annientato dall'invasione spagnola nel corso del XVII secolo e il cui sistema di vita rappresentò, con quello degli Aztechi e degli Incas, una delle forme più sviluppate della civiltà precolombiana.

 


Recensione in altra lingua (English):

This first chapter, because the thesis is new and so must be supported with detailed argument, may seem to a fair proportion of readers like driving over a succession of clover-leaf intersections with all destinations and route numbers hidden by driven snow.


Recensione in altra lingua (Français):

scheda di Giacomasso, S., L'Indice 1995, n. 3

Le vicende del Chiapas messicano hanno portato alla ribalta i Maya della Selva lacandona: ciò potrebbe spiegare perché sia stato ripubblicato questo classico degli studi sui Maya "storici". Ma sarebbe sufficiente dire che si tratta di un'opera di divulgazione appassionante, una "sintesi brillante", forse troppo, di quarant'anni di studi. Così afferma Alberto Guaraldo, con una sfumatura polemica, in un'introduzione utilissima che contestualizza le ricerche di Thompson e ne indica l'esatto valore a chi non sia uno specialista. La loro "classicità" risiederebbe nel fatto che riuniscono i risultati di tre grandi componenti della cultura occidentale: la filosofia della storia di radici romantiche (Toynbee), l'antropologia psicologico-culturale e l'archeologia scientifica del secondo quarto di questo secolo. Tesi di Thompson è che la crisi della civiltà maya sia dovuta a rivolte contadine, nate "dallo spezzarsi della solidarietà religiosa che univa il popolo alla gerarchia teocratica... Si tratta di una decomposizione dell'organismo sociale dovuta alla caduta del senso di comunanza dei valori". Avvincente risulta la lettura dei capitoli dedicati alle conquiste intellettuali, artistiche, e alla religione. Utili l'apparato bibliografico e cronologico.


Recensione in lingua italiana

Introduzione di Alberto Guaraldo.
Nota biografica.
Nota al testo.
Prefazione alla prima edizione.
Prefazione alla seconda edizione.
I. Prologo.
II. Ascesa e splendore della città-stato Maya.
III. La decadenza e la fine della civiltà Maya.
IV. Le conquiste intellettuali ed artistiche.
V. Scene di vita Maya.
VI. La religione dei Maya.
VII. La civiltà Maya vista retrospettivamente.
Compendio della storia dei Maya.
Bibliografia.
Aggiornamento bibliografico.


Biografia

J. Eric S. Thompson ha dedicato tutta la sua vita allo studio dei Maya. La civiltà Maya, tradotto da Ugo Tolomei, fu pubblicato per la prima volta da Einaudi nel 1970. Molte volte ristampato, è considerato un classico degli studi sulle civiltà precolombiane. La presente edizione è stata riveduta e aggiornata da Alberto Guaraldo, che è anche autore di una nuova introduzione.

Sir John Eric Sidney Thompson (31 December 1898 – 9 September 1975) was an English archeologist and Mayanist epigrapher, regarded as the pre-eminent mid-20th century scholar of the pre-Columbian Maya civilization. He was generally known as J. Eric S. Thompson in print and Eric Thompson to his colleagues.
Thompson was born in London and studied anthropology at the University of Cambridge.
In 1925 he began working under Dr. Sylvanus Morley of the Carnegie Institution on the archeological project at Chichen Itza. He took his new bride honeymooning through the jungle by mule to make one of the first explorations of the Maya site of Coba.
Thompson was, as he himself noted, of the last generation of "generalist" archeologists in the field, engaging in activities from finding and mapping new sites, excavation, study of Maya ceramics, art and iconography, Maya hieroglyphics, some ethnology on the side, and writing books for both technical and lay audiences.
Thompson conducted a number of excavations at sites in British Honduras (present-day Belize). He was one of the first in the field to investigate and excavate smaller sites in areas away from the elite ceremonial centers, to learn more about the lives of common Maya people.
Expanding on the earlier work of John T. Goodman and Juan H. Martinez-Hernandez, (largely neglected by other scholars at the time), Thompson developed the correlation between the Maya calendar and the Gregorian calendar that became generally accepted.
J. Eric S. Thompson did considerable work with the decipherment of Maya hieroglyphics, especially those related to the calendar and astronomy, as well as identifying some new nouns. He developed a numerical cataloguing system for the glyphs (the T-number system), which, with some expansions, is still used by Mayanists today. He initially supported Morley's contention that history was not to be found in the inscriptions, but changed his position in light of the work of Tatiana Proskouriakoff in the 1960s.
His attempted decipherments were based on ideographic rather than linguistic principles. In his later years he resisted the notion that the glyphs have a strong phonetic component, as put forward by the Russian linguist Yuri Knorosov. After his death, for a time some younger Maya epigraphers blamed Thompson for holding back what became a very fruitful approach to the glyphs with his forceful and articulate disagreements. Michael D. Coe, one of the most prominent proponents of the phonetic aproach while Thompson was still alive, has said that the degree of this hostility was unwarranted. In any case, the value and correctness of the phonetic approach was not so obvious in the 1960s and early 1970s as it would become in retrospect with the later progress in Maya decipherment.
Thompson had an erudite but inviting writing style, often displaying a dry wit. He wrote an autobiography covering his early career in the field, Maya Archeologist.
Thompson was knighted by Queen Elizabeth II in 1975. Sir J. Eric S. Thompson died shortly thereafter the same year in Cambridge, Cambridgeshire.

Consulta anche: The J.E.S.Thompson collection at the Field Museum, Chicago