Numero di utenti collegati: 203

libri, guide,
letteratura di viaggio

05/08/2020 21:48:41

benvenuto nella libreria on-line di

.:: e-Commerce by Marco Vasta, solidarietà con l'Himàlaya :::.

Blu Cina

Hirst Bamboo


Editeur - Casa editrice

Piemme

Asia
Estremo Oriente
Cina

Città - Town - Ville

Casale Monferrato (AL)

Anno - Date de Parution

2005

Pagine - Pages

382

Lingua - language - langue

italiano


Blu Cina Blu Cina  

Shanghai, fine anni Trenta. Nella città pulsante di vita, sede di molte legazioni internazionali, due giovani si conoscono e si innamorano. Lui è un diplomatico italiano, lei appartiene a una famiglia cinese di vecchia data, in cui l'attaccamento alla tradizione si fonde con uno spirito aperto ai tempi nuovi. Dal loro amore nasce una bambina, ma la guerra mette fine all'idillio. Lui verrà internato in un campo di concentramento e nel '45 tornerà in Italia, lei finirà per risposarsi. E la bambina? Cresciuta da una tata adorata, educata in un collegio di suore, viene mandata in Italia per cercare il padre, che rivedrà un unica volta, anni dopo

 

Consulta anche: La recensione del café letterario


Recensione in lingua italiana

Le prime righe

Blu Cina si riferisce ai periodi più significativi della mia vita. Per ricostruire il passato sono stata aiutata da molti riferimenti giuntimi a voce e completati attraverso ricerche personali. I personaggi, gli ambienti, gli episodi rievocati sono tutti veri. Il libro si articola in tre parti.
La prima narra la storia di mio padre e mia madre: l'incontro tra Occidente e Oriente.
La seconda parte tratta del mio impatto con l'Italia, dove ho dovuto trapiantare le mie radici.
L'ultima parte si riferisce al mio ritorno in Cina, alla ricerca dei luoghi che mi sono familiari, anche se so che volerli ritrovare a tutti i costi è pura utopia.
Oggi non ho più bisogno di accarezzare con le dita le linee rosse della carta geografica che segnano i confini della Cina, perché ho ormai interiorizzato ricordi, desideri e tutto ciò che la Cina ha rappresentato e rappresenta per me.
«La Cina non va capita, va solo intuita. Sillogismi, deduzioni schematiche e statistiche non servono a nulla, se non si accetta la sua differenza», scrive Lin Yu Tang. La Cina cui mi riferisco io non è un luogo letterario o un pretesto narrativo, ma una parte di me.
Il blu è il colore dei Miao, l'antica etnia cui appartengo da parte di mia madre.
Per l'altra metà sono italiana. Ed è in questa lingua, diventata negli anni la mia, che ho deciso di raccontare la mia storia.
B.H.


Biografia

Bamboo Hirst è nata a Shangai e ora vive a Londra. È sposata e ha una figlia avvocato. Si è occupata a lungo di pubbliche relazioni, soprattutto nel campo della moda. Prima di trasferirsi in Inghilterra ha vissuto molti anni in Italia che, insieme con la Cina, resta uno dei suoi luoghi del cuore. Tra i suoi libri citiamo Figlie della Cina, Il riso non cresce sugli alberi, Passaggio a Shangai, Inchiostro di Cina e Cartoline da Pechino.

Consulta anche: La recensione del café letterario