Numero di utenti collegati: 1194

libri, guide,
letteratura di viaggio

24/02/2021 21:48:58

benvenuto nella libreria on-line di

.:: e-Commerce by Marco Vasta, solidarietà con l'Himàlaya :::.

Tienanmen


Editeur - Casa editrice

Rizzoli

Asia
Estremo Oriente
Cina

Città - Town - Ville

Milano

Anno - Date de Parution

2001

Pagine - Pages

590

Titolo originale

The Tiananmen Papers

Lingua - language - langue

italiano

Edizione - Collana

Saggi stranieri

Traduttore

Michela Benuzzi, Paolo Lorenzin, Giulio Lupieri, Maria Barbara Piccioli, Alessandra Tubertini

Prefazione

Postfazione di Orville Schell

Curatore

Nathan A. J.; Link P.


Tienanmen Tienanmen  

Tra l’aprile e il maggio del 1989, oltre un milione di persone, guidate dagli studenti, occuparono pacificamente piazza Tian'anmen a Pechino, chiedendo libertà e democrazia. In tutta la Cina, decine di milioni di cittadini appoggiavano le loro richieste. Ma i leader del Partito comunista respinsero ogni ipotesi di dialogo, e il 3 e 4 giugno la piazza fu sgombrata dall’esercito. Più di mille manifestanti furono uccisi, migliaia di persone furono arrestate in tutto il paese, molte scelsero la fuga e l’esilio. Il desiderio di riforme fu stroncato nel sangue. Oggi quella tragedia può essere ricostruita nei minimi particolari grazie a questo libro sconvolgente che esce in contemporanea in tutto il mondo. Una fonte confidenziale all’interno del sistema politico cinese, che intende così rilanciare la sfida al potere totalitario, presenta in Tiananmen centinaia di documenti che provengono dal vertice del Partito e dello Stato. Attraverso rapporti segreti e conversazioni riservate possiamo scoprire davvero come si svolsero davvero i fatti, quali contrasti e manipolazioni precedettero la decisione di far intervenire i carri armati, quali furono le posizioni dei leader, gli umori della popolazione, il ruolo degli intellettuali, dell’esercito, della polizia, dei servizi segreti. L’autenticità del materiale è garantita da Andrew J. Nathan, Perry Link e Orville Schell, le tre massime autorità occidentali sulla Cina di oggi, che con i loro saggi analizzano i fatti e i documenti. Quest’opera è un’occasione unica per conoscere dall’interno uno dei sistemi politici più ermetici. Ed è in sé un evento storico, che scatenerà polemiche e riaprirà la partita, ai massimi livelli del potere cinese, fra tradizionalisti e innovatori.

Dietro lo pseudonimo di Zhang Liang si nasconde la fonte dei documenti contenuti in questo testo. Andrew J. Nathan è professore di Scienze politiche alla Columbia University. Tra i suoi numerosi saggi, China’s Transition (1997). Perry Link insegna Lingua e letteratura cinese alla Princeton University. Nel 1988-89 ha diretto una missione culturale americana a Pechino. Da quell’esperienza è nato Evening Chats in Beijing (1992). Orville Schell è preside della Facoltà di Giornalismo a Berkeley. Il suo libro più recente è Virtual Tibet (2000).

 



Biografia

Matthiessen Peter
Figlio di un architetto, pubblicò il suo primo racconto durante gli studi presso l'Università di Yale. Dopo la laurea si trasferì in Francia dove fondò, assieme all'amico George Plimpton, la rivista The Paris Review. Nel 1974 è stato chiamato a far parte dell'Accademia Americana di Arti e Lettere.
Ha pubblicato, nel corso di quasi cinquant'anni, più di venti libri. Fra i suoi libri più apprezzati ci sono Giocando nei campi del Signore (At Play in the Fields of the Lord) (1965), un thriller morale che parla dei missionari in Sud America e che divenne un film con lo stesso titolo; e Uccidere Mister Watson (Killing Mister Watson) (1991), la prima parte di una trilogia su un leggendario fuorilegge della Florida.
Ha scritto anche romanzi storici. In the Spirit of Crazy Horse (1983) analizza il conflitto a fuoco, avvenuto nel 1975, fra l'FBI e i Nativi Americani vicino a Wounded Knee. Sono stati però i romanzi di viaggio che lo hanno fatto conoscere come perfetto sostenitore della natura. Nel racconto di viaggio Il leopardo delle nevi (The Snow Leopard) (1978), vincitore del National Book Award, Matthiessen racconta le sue ricerche delle creature in pericolo di estinzione e del raggiungimento della gratificazione spirituale. Ha raccontato anche i suoi viaggi attraverso l'Africa e l'Antartide in African Silences (1991) e End of the Earth (2003), mentre con The Birds of Heaven (2001) ha promosso la protezione delle gru e, più in generale, dell'ecosistema del pianeta.
Matthiessen fu un praticante della filosofia Zen e più tardi divenne monaco buddhista. Viveva a Sagaponack,nello Stato di New York. dove è deceduto nel 2014 all'età di 86 anni a causa di una leucemia.