Numero di utenti collegati: 8093

libri, guide,
letteratura di viaggio

07/12/2022 00:01:43

benvenuto nella libreria on-line di

.:: e-Commerce by Marco Vasta, solidarietà con l'Himàlaya :::.

Lo scultore della sabbia

Nair Meera


Editeur - Casa editrice

Neri Pozza

  Asia
India

Città - Town - Ville

Vicenza

Anno - Date de Parution

2003

Pagine - Pages

201

Titolo originale

Video

Lingua originale

Lingua - language - langue

italiano

Edizione - Collana

Le tavole

Traduttore

Gioia Guerzoni


Lo scultore della sabbia Lo scultore della sabbia  

Dieci storie, dieci preziose miniature della vita indiana contemporanea.
Nel racconto che dà il titolo (italiano), come tutti i ragazzi del suo piccolo villaggio non lontano da Goa, Jesu D'Costa si guadagna da vivere andando per mare. Ma non è come Francis la Pertica o come Sebastian, i pescatori che hanno un solo pensiero in testa: tornare ogni giorno a riva con un'infinità di maccarelli boccheggianti. Jesu D'Costa è un artista. Quando le barche rientrano, e le donne si recano al mercato con i pesci, Jesu se la fila lungo la spiaggia, lontano dalle reti e dalle barche. Lì affonda le mani nel terreno e modella meraviglie di sabbia. Fino a qualche tempo fa, scolpiva intere città di minareti, tunnel e torri, con ripide gradinate, stanze segrete, uomini con l'elmetto che fanno marciare schiavi dai capelli crespi sui fianchi delle dune di sabbia bagnate di spruzzi... centinaia di meravigliose scene spazzate via puntualmente dall'alta marea. Una notte, però, in cui la luna sbilenca era offuscata dalle nuvole, Jesu D'Costa, camminando sulla spiaggia, è inciampato in un lembo di seta attorcigliato che sbucava dalla sabbia. Era il lembo di una sari che avvolgeva il corpo meraviglioso di una donna. Giaceva in una stretta culla che i venti avevano scavato sulla spiaggia, cosce e caviglie rilassate sotto la sottile membrana di sabbia finissima, il viso pallido, la punta dei seni nudi al cielo. Da quella notte la vita di Jesu D'Costa, lo scultore della sabbia, è cambiata...
In "Video", la visione di un film porno occidentale muta radicalmente l'esistenza di un capofamiglia, trasformando la sua concezione del sesso, dell'intimità e persino della vita pubblica.
In "Un caloroso benvenuto al Presidente", un intero piccolo villaggio indiano aspetta la visita di Bill Clinton costruendo un bagno nuovo che, quando appare chiaro che il presidente non verrà, viene inaugurato dal vecchio Abdul Chacha.

Con la sua scrittura ariosa ed elegante, Meera Nair, il nuovo talento della narrativa angloindiana, ci offre dieci piccole storie, dieci preziose miniature della vita in India oggi.

Uniti dal filo conduttore dell'improvvisa irruzione dell'inaspettato e dell'estraneo nella vita quotidiana questi racconti ci mostrano, con uno humour e una levità che è raro trovare sulla scena odierna della letteratura internazionale, il cuore della vecchia India alle prese col mondo moderno.

 



Recensione in lingua italiana

Lo scultore della sabbia;
Video;
L'inquilino della camera 726;
Sedici giorni a dicembre;
Estate;
Un caloroso benvenuto al Presidente, 'Insh'Allah'! L'albero della foglia di curry;
Il nonno e la recinzione;
Una strana sensazione di luogo;
il giorno di San Valentino di Vishnukumar;
Ringraziamenti;
Glossario.