-->

libri, guide,
letteratura di viaggio

13/11/2019 05:31:21

benvenuto nella libreria on-line di

.:: e-Commerce by Marco Vasta, solidarietÓ con l'HimÓlaya :::.

I centomila canti di Milarepa

gTsang-smyon He-ru-ka

Editeur - Casa editrice

Adelphi

  Asia
Tibet
Vajrayana

Anno - Date de Parution

2002

Pagine - Pages

307

Lingua - language - langue

italiano

Edizione - Collana

Biblioteca Adelphi

Traduttore

Blancke Kristin ; Pizzi Franco

Prefazione

Fabrizio Torricelli

Curatore

Donatoni Roberto

acquista in Italia tramite IBS
I centomila canti di Milarepa


I centomila canti di Milarepa I centomila canti di Milarepa  

Un'opera accurata e approfondita, forse non adatta al neofita ma Ŕ grazie alla introduzione di Fabrizio Torricelli ed al curatore, Roberto Donatoni (senza trascurare i traduttori Kristin Blancke e Franco Pizzi) che ho potuto conoscere ed apprezzare uno dei capolavori della letteratura tibetana.
Certo, quello che ho letto Ŕ il testo in italiano e mi rimane la curiositŔ di conoscerne il suono ed il significato in lingua originale.

Nell'opera capitale del buddhismo tibetano, compilata nel XV secolo da gTsang-smyon He-ru-ka, lo "yogin folle di gTsang", alla "Vita di Milarepa", in cui si raccontano le vicissitudini, i crimini, le prove e il riscatto del Grande Mago, fa seguito la vasta raccolta dei "Canti" che qui presentiamo, dove si narrano le successive avventure del grande santo e sommo poeta. In brevi, scintillanti episodi non di rado di alta comicitÓ pervasi di delicata irriverenza, sono incastonati gli ammaestramenti in forma poetica di Milarepa, che con parole semplici, quali solo possono essere quelle che sgorgano dall'esperienza e da una conoscenza certa, insegna con sapienza impareggiabile l'arte sottile della meditazione, dando nel contempo libera espressione alla gioia e alla libertÓ sconfinate che ne sono il frutto. E gli incontri, spesso prodigiosi, con numerosi personaggi - beffardi esseri 'non umani', dotti compiaciuti della loro scienza polverosa, discepoli devoti o riottosi, taumaturghi pronti alla sfida, creature umili disposte a essere toccate nel cuore - diventano altrettante occasioni per additare quella condizione naturale della mente tersa e imperturbabile in cui tutti i fenomeni appaiono quali sono, eterei e inafferrabili, in un perenne zampillio caleidoscopico di immagini, pensieri, sensazioni, il cui apparire insostanziale ed effimero solca senza ostacoli il cielo vuoto della coscienza.
"I centomila canti di Milarepa", vera e propria summa del buddhismo tantrico, sono ancora oggi fonte d'ispirazione e oggetto di venerazione nel mondo tibetano. Con questo volume, Adelphi ne inaugura la prima edizione integrale in lingua italiana. La traduzione, condotta confrontando tutte le migliori edizioni disponibili del testo originale, Ŕ corredata di un vasto apparato di note e di un'introduzione in cui si troverÓ un'esposizione dettagliata delle dottrine e delle pratiche talora esoteriche cui si fa riferimento nel testo.

 

Consulta anche: La vita di Milarepa in Adelphi

Consulta anche: La vita di Milarepa in Adelphi