Numero di utenti collegati: 4185

libri, guide,
letteratura di viaggio

24/03/2023 12:52:15

benvenuto nella libreria on-line di

.:: e-Commerce by Marco Vasta, solidarietà con l'Himàlaya :::.

Amore e nostalgia a Bombay

Chandra Vikram A.


Editeur - Casa editrice

Instar Libri

  Asia
India
India del Sud

Anno - Date de Parution

1999

Pagine - Pages

336

Lingua - language - langue

italiano

Edizione - Collana

Narrativa/Mente


Amore e nostalgia a Bombay Amore e nostalgia a Bombay  

Una Bombay inedita, regno del cinema e dell'informatica. Una metropoli contemporanea, di sangue misto e ideologie non meno mescidate, ma ancora e sempre più la "Città dell'Oro", come già era chiamata ai tempi del Raj: miraggio dei molti e riserva privilegiata dei pochi. Tante automobili, treni e qualche risciò a motore; vestiti eleganti, circoli esclusivi, ambizioni e possibilità infinite. Dharma, Sakti, Kama, Artha, Santi, cinque precetti della filosofia hindu collegati dal racconto dell'anziano e riverito Subramaniam. Cinque episodi d'amore e nostalgia... per la donna lontana, per un legame naufragato, per il compagno scomparso, per i tempi della gioventù.

 



Recensione in lingua italiana

scheda di Bassi, S. L'Indice del 2000, n. 07

Gli ammiratori di Terra rossa e pioggia scrosciante (cfr. "L'Indice", 1998, n. 3) troveranno in questo secondo libro di Vikram Chandra uno scrittore sorprendentemente diverso. L'epopea ottocentesca del romanzo lascia il posto a cinque storie di piccole e grandi sfide quotidiane ambientate nella Bombay dei giorni nostri. I titoli dei racconti rimandano ad altrettanti princpi chiave dell'induismo e il lettore potr… dilettarsi nell'immaginare come ad esempio il concetto di Dharma (il dovere dell'uomo verso l'ordine socio-cosmico) si traduca nella vicenda di Jago Antia, il coraggioso generale mutilato che deve affrontare un fantasma che infesta la sua casa avita; o quale sia in Kama l'amore che ha portato all'efferato omicidio su cui indaga l'ispettore Singh (preannunciato protagonista del prossimo romanzo di Chandra). Tema di Shakti Š la scalata sociale di una donna al jet set cittadino, mentre in Artha il programmatore di computer Iqbal si mette sulle tracce del suo amante scomparso, scoprendo i suoi oscuri legami con la mala. In Shanti, infine, una donna cerca caparbiamente notizie del marito disperso in guerra. Un'India urbana e di personaggi insolitamente isolati dalle tradizionali famiglie allargate, attraverso cui Chandra ha voluto contribuire alla creazione del mito della citt… che oggi si chiama Mumbai.


Biografia

Chandra Vikram A.

Nato a New Delhi nel 1961, Vikram Chandra è cresciuto nel leggendario Rajasthan e poi esposto alla cultura americana negli anni universitari. Attualmente vive tra Mumbai, nella sua nativa India, e Berkeley, dove insegna Scrittura Creativa all’Università. Appartiene alla schiera dei grandi narratori indiani in lingua inglese come Anita Desai e Salman Rushdie, del quale riprende la lezione inserendosi quindi nella grande tradizione orientale del racconto fantastico. Scrittore, giornalista ma anche programmatore di computer, ha vinto prestigiosi premi letterari e i suoi libri sono già stati tradotti in molte lingue. Il suo primo e fluviale romanzo, Terra rossa e pioggia scrosciante, uscito nel 1995, ha suscitato grande clamore sia in India che negli Stati Uniti. La sua poetica rimanda alla tradizione orientale del romanzo fantastico (o poema) a cornice, di cui basterà citare i mirabili esempi di Ramayana e Mahabharata e delle Mille e una notte. Il titolo stesso del romanzo discende da un poema classico in lingua tamil. Nelle opere successive conferma la predilezione per opere monumentali e nel recente I giochi sacri crea un affresco potente e grandioso di una delle metropoli più complesse e avvincenti della contemporaneità.

Bibliografia sintetica
Terra rossa e pioggia scrosciante, Instar Libri, 1998
Amore e nostalgia a Bombay, Instar Libri, 1999
Missione Kashmir, Sperling & Kupfer, 2002
Giochi sacri, Mondadori, 2007

Consulta anche: Sito Ufficiale
Consulta anche: Alcune recensioni a cura di Mario Biondi