Numero di utenti collegati: 3239

libri, guide,
letteratura di viaggio

11/08/2020 15:41:52

benvenuto nella libreria on-line di

.:: e-Commerce by Marco Vasta, solidarietà con l'Himàlaya :::.

Bambini d'Oriente

Ruggeri Corrado


Editeur - Casa editrice

Feltrinelli

Asia
Sud Est asiatico
Laos

Città - Town - Ville

Milano

Anno - Date de Parution

1998

Pagine - Pages

160

Lingua - language - langue

italiano


Bambini d'Oriente Bambini d'Oriente  

Birmania, Cambogia e Laos descritti con i volti e le storie di uomini e donne feriti dal passato e di bambini che non hanno mai conosciuto l'infanzia. A cominciare da Nun, otto anni e 10.000 etichette da incollare su 10.000 sigari al giorno. Uno di meno significa perdere l'intera giornata di lavoro. I capelli lunghi sono il suo sogno proibito, perché scostare la frangia dagli occhi rallenta il lavoro. "Nun ha lo sguardo fisso anche quando smette di avere i sigari tra le mani e se parla si agita perché perde tempo e quando parla ha le dita che si muovono a scatti, anche se tra le dita non c'è niente da tenere o da avvolgere o da incollare." Un esempio per tutti delle difficili esistenze di chi vive in questi paesi.

 



Recensione in lingua italiana

Approfondimento
Nun, otto anni e 10.000 etichette da incollare su 10.000 sigari al giorno. Uno di meno significa perdere l'intera giornata di lavoro. I capelli lunghi sono il suo sogno proibito, perché scostare la frangia dagli occhi rallenta il lavoro. "Nun ha lo sguardo fisso anche quando smette di avere i sigari tra le mani e se parla si agita perché perde tempo e quando parla ha le dita che si muovono a scatti, anche se tra le dita non c'è niente da tenere o da avvolgere o da incollare."
I piccoli scalatori di Pagan, una delle capitali religiose più importanti del mondo – vi sopravvivono i resti di duemila templi antichi – e la bouganville rossa in ricordo di Ko Ko, precipitato per compiacere i turisti accaldati in cima alla pagoda di Shwesandaw dai cento gradini alti un metro ciascuno.
La Cambogia di oggi, quel che resta dell'inferno. Il turpe mercato di ragazzini, merce ricercata per il sesso. I tormenti, gli incubi e i risvegli dei Khmer che non possono dimenticare le azioni di pulizia etnica e le torture compiute su donne e bambini. Lungo le rive del Mekong, tra risaie e terreni paludosi dove i ragazzini vanno a caccia di granchi, le giovani sminatrici, armate di baionette e di rivelatore, lavorano per bonificare la terra dalle mine antiuomo: "Ci piace pensare di poter aiutare la Cambogia a tornare un paese normale. E immaginare che in un domani non troppo lontano i nostri figli possano correre liberi per i prati , senza più il rischio di saltare in aria".
Infine il Laos, un passato tragico e un record che nessuno invidia: è stata la nazione più bombardata nel mondo, una media di dieci tonnellate di bombe sganciate per chilometro quadrato o, se si preferisce, cinquecento chili per abitante. Ciononostante, è la patria dello spirito e della preghiera: ogni mattina una piccola folla di fedeli cucina il cibo da offrire ai monaci e li accoglie in ginocchio sulla strada. Un popolo generoso e ospitale, e spesso l'autore ci intrattiene sulle tradizioni della gastronomia locale: vermi del bambù e cavallette fritte, acciughe fermentate e carne di bufalo essiccata, salse di lime e peperoncino... Ma nella missione di Kalawan, nella terra di Shan, padre Angelo offre caffè napoletano e biscotti fatti in casa, e non disdegna un pezzo di parmigiano in regalo.