-->

libri, guide,
letteratura di viaggio

21/11/2019 11:21:46

benvenuto nella libreria on-line di

.:: e-Commerce by Marco Vasta, solidarietà con l'Himàlaya :::.

Da sola

La mia passione per gli ottomila
Kaltenbrunner Gerlinde; Steinbach Karin

Editeur - Casa editrice

Corbaccio

Asia
Himalaya

Anno - Date de Parution

2010

Pagine - Pages

303

Lingua - language - langue

italiano

Edizione - Collana

Exploits)

acquista in Italia tramite IBS
Da sola. La mia passione per gli ottomila


Da sola Da sola  

Il 28 aprile i quotidiani di Kathmandù, e poche ore dopo quelli europei, riportavano il successo della sudcoreana Oh Eun Sun,prima donna che conquista, salendo l’Annapurna, tutti i 14 ottomila della terra, Oh Eun Sun, aldilà dei meriti sportivi, è annoverata da Elisabeth Hawley, giornalista americana riconosciuta universalmente come “il notaio degli ottomila”, fra i"peakbagger", che suona come “raccatta cime”, una nuova figura di alpinisti che arrampicano per collezionare più vette possibili, senza curarsi troppo del come queste vengono salite o di altri dettagli. 30 giorni dopo Gerlinde Kaltenbrunner completava il suo "palmares". Nel 2008 è arrivata in vetta al suo undicesimo ottomila, il Dhaulagiri, sul quale aveva rischiato la morte un anno prima, nel 2009 ha raggiunto con il marito Ralf Dujmovits la vetta del Lhotse che l’aveva in precedenza costretta due volte alla ritirata, il 23 maggio 2010 è arrivata in vetta all’Everest dal versante Nord. La Kaltenbrunner sale gli ottomila senza ossigeno e senza portatori d’alta quota. Per l’alpinista austriaca i record e le vittorie sono solo un aspetto secondario della sua attività, tant’è, per esempio, che ha raggiunto la vetta del Broad Peak in compagnia della sua principale concorrente, la spagnola Edurne Pasabàn. Ora non poteva mancare una suao autobiografia seppure narrata con l'assist di Karin Steinbach. In questo libro Gerlinde racconta come è nata la sua passione per la montagna e le sfide impossibili, la decisione di abbandonare la sua professione per dedicarsi a tempo pieno all'alpinismo e, naturalmente, la descrizione dei suoi "primi" dodici ottomila, i successi, i momenti drammatici, la convinzione dell'importanza di sapersi fermare anche a un solo passo dalla vetta se le condizioni lo impongono, di rinunciare a una spedizione per salvare un compagno di cordata.
Gerlinde Kaltenbrunner nata ne 1970 a Kirchdorf sulla Krems, in Alta Austria, era ancora bambina quando scoprì la sua passione pe le montagne. E aveva ventitré anni quando raggiunse la vetta del suo primo ottomila. Fra una spedizion e l’altra, la `regina degli ottomila` come l’ha definita la Welt am Sonntag si impegna in escursioni su roccia, su ghiaccio e sugli sci nelle Alpi orientali e occidentali. Vive con marito Ralf Dujmovits a Buhl, nella Foresta Nera.
Karin Steinbach nata nel 1966 a Wurzburg, in Germania, ha praticato l’alpinismo fin da adolescente. Laureata in letteratura e scienza delle comunicazioni, è giornalista scrittrice e collabora con numerosi alpinisti. Attualmente vive nel cantone elvetico di San Gallo.