Numero di utenti collegati: 1371

libri, guide,
letteratura di viaggio

22/05/2024 20:27:24

benvenuto nella libreria on-line di

.:: e-Commerce by Marco Vasta, solidarietà con l'Himàlaya :::.

Diario indiano

(1962-1963)

Ginsberg Allen


Editeur - Casa editrice

Guanda

  Asia
India



Città - Town - Ville

Parma

Anno - Date de Parution

1999

Pagine - Pages

240

Titolo originale

Indian Journals

Lingua originale

Lingua - language - langue

italiano

Edizione - Collana

Biblioteca della Fenice

Ristampa - Réédition - Reprint

Guanda (2007)

Traduttore

Fernanda Pivano

Amazon.it (Italia) - ordina e ricevi questa pubblicazione
Diario indiano (1962-1963)

Diario indiano Diario indiano  

Concepite come annotazioni private, appunti sparsi in cui anche l'ordine cronologico viene a volte a mancare, le pagine del diario indiano di Allen Ginsberg, scritte per sua stessa ammissione senza pensare alla pubblicazione integrale, non vogliono essere la fedele registrazione di una vicenda autobiografica legata a un viaggio.
Il viaggio naturalmente c'è, ed è quello compiuto dall'autore nella penisola indiana tra il marzo del 1962 e il maggio del 1963, in compagnia dell'amico Peter Orlovsky e di Gary Snyder, anche loro poeti della beat generation; e ben avvertibile è anche la dimensione "on the road" del libro; ma le tappe di questo percorso, annotate disordinatamente e spesso intuibili solo per rapidi accenni, non sono soltanto Delhi, Rishikesh, l'Himalaya, Benares o Calcutta. Ben più intensa è la dimensione introspettiva del viaggio indiano di Ginsberg, scandito dai tentativi di una presa di coscienza diretta e partecipata alla vita indiana che si compie attraverso la ricerca di un guru, abitando in case lungo i ghat crematori di Benares o di Delhi, conversando, fumando oppio e accompagnandosi per lunghi tratti con sadhu, gli yogin, i poeti e i sapienti della cultura indù. Il tentativo dell'autore è quello di immergersi nell'India, piuttosto che di conoscere l'India, che così diviene soprattutto il luogo ideale per un'esperienza spirituale.
Assai lontano quindi dal poter essere letto come una cronaca o un reportage, il Diario deve la sua suggestione non solo e non tanto al valore storico e documentario delle sue annotazioni (dopo Ginsberg, la cultura indiana entrerà nel mondo beat e diverrà uno dei tratti più autentici del movimento del Flower Power), quanto piuttosto al fascino visionario che emanano le sue pagine, in cui le poesie "urlate" si alternano agli stati di allucinazione, le descrizioni cittadine alle trascrizioni dei sogni, le risposte laconiche dei guru agli smarrimenti dell'uomo messo di fronte all'insondabilità dello spirito.