Numero di utenti collegati: 217

libri, guide,
letteratura di viaggio

27/02/2024 11:48:54

benvenuto nella libreria on-line di

.:: e-Commerce by Marco Vasta, solidarietà con l'Himàlaya :::.

Cronache dalle terre di nessuno.

Sedici anni da inviato sulla linea del fuoco. Guerra, informazione, propaganda

Porzio Giovanni


Editeur - Casa editrice

Tropea

Africa
Asia
Iraq

Anno - Date de Parution

2007

Pagine - Pages

466

Lingua - language - langue

italiano

Edizione - Collana

Saggi


Cronache dalle terre di nessuno. Cronache dalle terre di nessuno.  

Guerra e informazione. Un binomio conflittuale e difficile, perché l'informazione vera, secondo l'autore, non piace a chi fa le guerre. Il paradosso dell'era della comunicazione globale e delle notizie in tempo reale, del dominio dei grandi network televisivi, è che non si è mai stati così lontani dalla guerra, dalla reale linea del fronte: il reporter si trova in una trincea mediatica, assediato da restrizioni e imposizioni, da manipolazioni e propaganda, mentre è sempre più difficile trovare gli spazi per approfondire le notizie, ci si riduce alla cronaca, ai luoghi comuni e alle frasi fatte. Un giornalista italiano ripercorre in questo volume i principali conflitti dell'era della comunicazione globale e li analizza alla luce di queste considerazioni. Giovanni Porzio, che ha trascorso gli ultimi venticinque anni sui fronti più caldi di Medio Oriente, Africa, Asia e Balcani, è stato testimone di quello che racconta. Dai deserti africani alle montagne afghane, svela i meccanismi occulti della propaganda e della disinformazione, in una riflessione sul mestiere dell'inviato "sulla linea del fuoco" che è anche un'indagine sul ruolo dei media.

 



Recensione in lingua italiana

La recensione de L'Indice

In quell'eterno, indifferente, presente dentro il quale ci stiamo accomodando a consumare la nostra comune relazione con quanto accade attorno a noi, si appiattisce il senso della Storia, il valore dell'esperienza, la qualità della conoscenza. Ce ne avvediamo a scatti, quando un fatto, un episodio, un "segnale", quasi ci stringono a venir via dal flusso cui abbiamo consegnato la nostra paziente passività, e allora reagiamo con sorpresa, stupiti che questa nostra trasformazione nell'"homo videns" (cfr. Sartori) non sia soltanto la mutazione genetica d'una specie – una dimensione epocale, che si distende lenta e lunga nel tempo – ma sia anche il nostro stesso vissuto quotidiano, il "qui e ora".
Diventare "homo videns" non vuol dire contentarsi di afferrare il brillio emozionale delle civetterie tentatrici che ci offre un sistema di offerte di consumo sempre più sofisticato, ma anche consegnare all'estetica dell'apparenza, e alla sua indeterminata logica regolamentatoria, quell'etica della responsabilità cui il dovere della razionalità ci imporrebbe invece di corrispondere.
È la narrazione della realtà a veicolare, prepotentemente, e a guidare la mutazione. E in questo orizzonte, come più volte ha ricordato Scurati, la narrazione della guerra assume un valore simbolico onnicomprensivo. Ecco allora che questo libro di Porzio – uno dei migliori reporter del giornalismo italiano – un libro avvitato attorno ai "sedici anni da inviato sulla linea del fronte", recuperando il corso sovversivo del Tempo e della Storia ci riporta brutalmente al senso autentico delle cose, alla misura concreta, incontestabile, dei fatti, delle cause, degli interessi. Il racconto di un percorso che si dipana tra Iraq, Afghanistan, Somalia, Balcani, Congo, non soltanto scava dentro la nostra memoria immagini e spessori che abbiamo "voluto" cancellare, ma impone il recupero d'una riflessione dovuta, richiamando al dovere di una coscientizzazione la latenza comoda dentro cui abbiamo ceduto ogni progetto di "resistenza". Mimmo Candito


Biografia

Porzio Giovanni

Giovanni Porzio (Milano, 1951) dopo la laurea in Scienze Politiche all'Università statale di Milano ha vissuto un anno in Algeria con una borsa di studio del ministero degli Esteri per imparare l'arabo, ma soprattutto per attraversare in autostop il deserto del Sahara inseguendo un'inesauribile e ancora indomita passione per i viaggi. Ha cominciato a scrivere articoli come freelance su numerosi giornali e riviste di politica internazionale. Dal 1979 lavora a Panorama, dove è stato redattore agli Esteri, Caposervizio itinerante e poi Inviato Speciale. Ha realizzato servizi e reportage in oltre 120 paesi (Medio Oriente, Africa, Asia, Europa, Stati Uniti, America Latina) specializzandosi nelle aree di conflitto e nel giornalismo di guerra. Ha vinto numerosi premi giornalistici tra cui il prestigioso "Max David 2001" per i suoi servizi dall'Afghanistan. Tra i libri che ha pubblicato: "Guida al Medio Oriente"; "Cory"; "Top Secret: l'inganno del Golfo"; "Inferno Somalia"; "Cuore nero".
Ha tre figli, Margherita, Tommaso, Francesco, e una compagna, Gabriella, incontrata in una prigione di Saddam Hussein, di gran lunga più importanti di tutti gli articoli che ha scritto.

Consulta anche: Del reporter Globale
Consulta anche: Portfolio on line