Numero di utenti collegati: 4185

libri, guide,
letteratura di viaggio

25/06/2024 03:41:20

benvenuto nella libreria on-line di

.:: e-Commerce by Marco Vasta, solidarietà con l'Himàlaya :::.

The Power-places of Central Tibet

The Pilgrim's Guide

Dowman Keith


Editeur - Casa editrice

Routledge & Kegan Paul

  Asia
Tibet
Vajrayana
Kailash

Anno - Date de Parution

1988

Titolo originale

The Power Places of Central Tibet: The Pilgrim's Guide

Lingua originale

Lingua - language - langue

eng

Amazon.it (Italia) - ordina e ricevi questa pubblicazione
The Power Places of Central Tibet: The Pilgrim's Guide

The Power-places of Central Tibet  

Scrive l'autore: "Ho trascorso le estati del 1985-87 vagando per il Tibet centrale visitando le destinazioni di pellegrinaggio menzionate dal pellegrino August Khampa Jamyang Khyentse Wangpo, nella sua guida tibetana. Questo libro, I luoghi di potere del Tibet centrale: la guida del pellegrino, è il risultato di quell'arduo viaggio in cui il trekking, l'autostop, i giri in trattore, l'equitazione e persino un giro in capra mi hanno commosso. In quegli anni la ricostruzione dei gompa procedeva velocemente e nonostante la desolazione delle rovine e la paranoia della gente fosse ancora evidente era un periodo emozionante essere in Tibet. La ricerca sulla Guida è stata un esercizio innovativo poiché pochi europei erano usciti dalle principali autostrade e io ero il primo straniero ad entrare in alcune valli. Il libro rimane una pietra miliare nella storia del pellegrinaggio in Tibet".
“Per quei visitatori del Tibet che hanno tempo per visitare i templi e le grotte più remoti, la Guida del Pellegrino è indispensabile. È scritto in uno stile accessibile sia al laico interessato che allo studioso buddista.’ A.B.Rowe nel Geographical Journal

 

Consulta anche: Sul sito della autrice

Recensione in altra lingua (English):

I spent the summers of 1985-87 wandering about Central Tibet visiting the pilgrimage destinations mentioned by the august Khampa pilgrim Jamyang Khyentse Wangpo, in his Tibetan guidebook. This book, The Power Places of Central Tibet: The Pilgrim's Guide is the result of that arduous trip in which trekking, hitch-hiking, tractor rides, horse riding and even a goat ride all moved me on. During those years rebuilding of the gompas was progressing fast and althought the desolation of the ruins and paranoia of the people was still evident it was an exciting time to be in Tibet. Researching the Guide was a ground breaking exercise as few Europeans had been off the main highways and I was the first foreigner to enter some valleys. The book remains a milestone in the history of pilgrimage in Tibet.
‘For those visitors to Tibet with time to visit the more remote temples and caves The Pilgrim's Guide is indispensable. It is written in a style that is accessible to the interested layman as well as the Buddhist scholar.’ A.B.Rowe in the Geographical Journal



Recensione in lingua italiana

Prefazione ai luoghi di potere del Tibet centrale
Questa guida per i pellegrini si basa sulla Guida ai Luoghi Santi del Tibet centrale di Jamyang Kyentse Wangpo (1820-92), un lama Khampa, che compì frequenti ed estesi pellegrinaggi nel Tibet centrale e scrisse la sua guida al termine di una lunga vita come contributo all'antico e popolare genere della letteratura tibetana chiamato neyik, guide al pellegrinaggio . Kyentse Rimpoche non era un lama qualunque. ma delle più grandi figure del rinascimento eclettico del Tibet orientale del secolo scorso, la sua erudizione e saggezza si unirono per conferire al suo lavoro il più alto segno di autorità e integrità. La sua Guida fu tradotta in inglese e parzialmente annotata dalla nota studiosa italiana Alfonsa Ferrari, che non visitò mai l'Oriente e che morì prima di poter completare la sua opera. L'annotazione è stata completata da un altro studioso italiano, Luciano Petech. Il suo contributo fu arricchito da Hugh Richardson, l'ultimo residente britannico a Lhasa. Le aggiunte chiare e concise di Richardson alle note, le osservazioni dettagliate compilate durante i suoi lunghi viaggi nel Tibet centrale nel corso di diversi anni, sono di vitale importanza per le informazioni sullo stato precedente al 1959 di vari monasteri. Per le loro annotazioni, gli studiosi italiani si sono affidati in larga misura ai resoconti del loro maestro, Giuseppe Tucci, ricavati dal suo breve viaggio nel Tibet centrale nel 1948.

La Guida di Khyentse copre il Tibet centrale, meridionale e occidentale. Lo scopo di questa Guida del Pellegrino è limitato al Tibet centrale, l'antica provincia di Ü, che comprende il sistema della valle Kyichu e i tratti dello Tsangpo (Brahmaputra) nel suo passaggio da Chaksam a Kongpo. Lhasa è il centro della provincia e i luoghi qui descritti si trovano tutti entro un raggio di 250 km da Lhasa, ad eccezione di quelli elencati nel capitolo "Attraverso lo Tsang fino al confine del Nepal". Durante le stagioni estive del 1986-88 visitai la maggior parte dei circa 170 centri energetici del Tibet centrale menzionati nella Guida di Khyentse. Informazioni sulla maggior parte dei suoi luoghi omessi dai nostri itinerari (circa tredici) sono state fornite da altri pellegrini. Quei pochissimi luoghi di cui non ho informazioni contemporanee sono così indicati nel testo. Ogni voce di questa Guida del pellegrino approfondisce gli argomenti che riguardavano Kyentse Rimpoche: posizione e caratteristiche principali del sito, reliquie e tesori preziosi, storia e importanza del luogo. La descrizione di Kyentse Rimpoche dei templi, delle immagini e dei tesori dei monasteri ha permesso un utile confronto tra ciò che esisteva prima del 1959 e ciò che rimane dopo la Rivoluzione Culturale. Le informazioni storiche sui luoghi di potere sono state derivate dalla Guida di Khyentse, da varie fonti letterarie (vedi Bibliografia) e da informatori nei luoghi santi.

Sebbene Kyentse Rimpoche fosse coinvolto in un rinascimento eclettico, i gompa e i santuari costruiti dai Cappelli Gialli non costituivano una parte significativa dei suoi itinerari di pellegrinaggio. Si preoccupava principalmente degli antichi luoghi di potere dei Cappelli Rossi, non delle accademie relativamente recenti della Scuola Gelukpa. Menziona le grandi fondazioni monastiche di Tsongkapa e dei suoi discepoli - Ganden, Drepung, Sera e anche Chokorgyel per esempio - ma ignora la maggior parte dei successivi monasteri Gelukpa. Alcuni importanti e antichi luoghi di potere furono inspiegabilmente omessi dai pellegrinaggi di Kyentse e questi sono stati inclusi qui. La principale inadeguatezza della Guida di Khyentse è la sua brevità. La sua funzione principale era quella di localizzare e identificare e semplicemente indicare associazioni storiche e condizioni contemporanee, piuttosto che descriverle e commentarle. Per quanto lo spazio lo consente, la descrizione e il commento sono stati aggiunti qui.

Lo scopo principale di questo lavoro è identico a quello di Kyentse Rimpoche: indicare l'ubicazione e il significato dei principali luoghi di potere del Tibet centrale nella speranza che tali informazioni possano essere di utilità pratica per i pellegrini. La maggior parte dei siti della valle sono ora accessibili tramite jeep, anche se i luoghi di potere delle caverne possono essere raggiunti solo a piedi. Si intende inoltre che questa Guida del Pellegrino completerà gli studi sulla geografia storica del Tibet e fornirà informazioni aggiuntive e correggerà vecchi malintesi.

Nella misura in cui questa Guida del Pellegrino si basa su brevi visite a ciascun sito, le informazioni raccolte sono talvolta parziali e prive di conferma, e nella misura in cui la ricostruzione, il restauro e la raccolta di manufatti religiosi sono ancora in corso, la Guida del Pellegrino richiederà un aggiornamento costante . Saremo grati di ricevere correzioni e qualsiasi informazione aggiuntiva, in particolare riguardante i luoghi non visitati, per le edizioni future. Si prega di scrivere all'autore presso l'editore.

Vorrei ringraziare tutti i tibetani che spontaneamente ci hanno offerto un'ospitalità generosa e gentile durante il pellegrinaggio, e anche ringraziare le guide e gli informatori tibetani, monaci e laici, che con grande pazienza e generosità nel tempo e nello spirito hanno donato

Consulta anche: Sul sito della autrice