Feste in Nepal

Su ] INFO leggere ] Dove andiamo ] Programma ] [ Feste in Nepal ] Visto ] Clima ] Cosa mangio? ] Night Life ] Redazionale AnM ] Leggere il Nepal ] Marco in Nepal ]

Newar ] Maha Shiva Ratri ] Bisket Jatra ] Gai Jatra ] Dashain ] Tihar ] Mha Puja ] Calendario nepalese ]

Vikram Samvat
(विक्रम संवत् - vikrama saṃvat)

 

Nome mese

Giorni

Corrispondenza 

1

Baiśākha - बैशाख

31

aprile - maggio

2

Jeṭha - जेठ

31 - 32

maggio - giugno

3

Asāra - असार

31

giugno - luglio

4

Śāvaṇa - शावण

32

luglio - agosto

5

Bhādra - भाद़

31 - 32

agosto - settembre

6

Asoja - असोज

30 - 31

settembre - ottobre

7

Kārtika - कार्तिक

29 - 30

ottobre - novembre

8

Maṃsira - मंसिर

29 - 30

novembre - dicembre

9

Pauṣa - पौष

29 - 30

dicembre - gennaio

10

Mādha - माध

29 - 30

gennaio - febbraio

11

Phāgūna - फागून

29 - 30

febbraio - marzo

12

Caita - चैत

30 - 31

marzo - aprile

Per curiosità riporto il Calendario Newari
Nepal Sambat (नेपाल संवत् - nepāla saṃvat)

Incontrare una festa locale potrebbe rivelarsi il momento clou di un viaggi in Nepal e, dato il numero enorme di loro, saresti sfortunato a non farlo. Sebbene la maggior parte sia di natura religiosa, l'allegria, non la solennità, è all'ordine del giorno e gli astanti sono sempre i benvenuti. Le feste possono essere hindu, buddhisti, animisti o un ibrido di tutti e tre. Gli inglesi usano il termine festival per le feste anche religiose e quindi potrebbero chiamare festival anche una messa in San Pietro o lo scioglimento del sangue di San Gennaro. Noi italiani li seguiamo a ruota, spesso sbracati  anche nelle solennità religiose locali...

Gli eventi hindu possono assumere la forma di enormi pellegrinaggi e fiere (mela), o incontri più introspettivi come bagni rituali alle confluenze sacre (tribeni) o atti di culto speciali (puja) nei templi. Molti vedono sacrifici di animali seguiti da feste di famiglia, con sacerdoti e musicisti di solito a disposizione. Parate e processioni (jaatra) sono comuni, soprattutto nella valle di Kathmandu.

Le feste buddiste non sono meno colorate, in genere riuniscono clero vestito di marrone e pellegrini laici per camminare e prostrarsi intorno agli stupa, di solito ridipinti appositamente per l'occasione.

Molte etnie animiste seguono il calendario hindu, ma i riti locali di adorazione della natura si svolgono sulle colline durante tutto l'anno. I riti sciamanici di solito si svolgono a casa, su richiesta di una particolare famiglia, sebbene gli stessi sciamani abbiano il loro calendario di fiere (mela) in cui convergono in un particolare luogo sacro.

Magh (gennaio-febbraio)

Magh (o Makar) Sankranti e Capodanno Tharu

Contrassegna un evento solare (piuttosto che lunare) nel calendario nepalese - il giorno in cui il sole è più lontano dalla terra detto afelio che però non corrisponde in realtà con la data nepalese). I Tharu celebrano questo giorno particolare come il nuovo anno. È anche considerato il principale festival annuale dichiarato dal governo della comunità Magar.

Sankranti generalmente significa il primo giorno del mese, ovvio che ci sono 12 Sankranti di questo tipo in un anno. Pertanto, il primo giorno del mese nepalese Magh viene celebrato come Maghe Sankranti. Tuttavia, l'illustre comunità del Nepal celebra questo giorno con nomi diversi e conduce attività diverse.

"Sankranti" è la parola sanscrita nell'astrologia orientale che si riferisce al movimento del Sole da un rashi (un segno dello zodiaco) all'altro. Inoltre, Maghe Sankranti è studiato come il giro del Sole da Dhanu Rashi (Sagittario) a Makara Rashi (Capricorno). Non c'è da stupirsi, perché è anche chiamato Makara Sankranti. Nell'astrologia indù, la posizione del sole durante l'anno è divisa in 12 Rashi (segni zodiacali). Tuttavia, è molto difficile organizzare tra i mesi di Bikram Sambat, i mesi dello zodiaco e i mesi del calendario lunare. Mentre il calendario tradizionale si basa sullbasa sulle posizioni lunari, Sankranti è anche celebrato come evento solare.

 

Maghe Sankranti è simile alle feste del solstizio in altre tradizioni religiose. Festeggiata specialmente nel Nepal occidentale, mostra la fine dell'inverno e del mese di Poush, in cui tutte le cerimonie religiose sono proibite. In questo giorno vengono eseguiti i rituali di purificazione e vengono consumati cibi sacri. Inoltre, alcuni alimenti vengono oggi consumati come patate dolci, una melassa di zucchero di canna solida ed estremamente dura, burro chiarificato e stufato di fagioli.

Il primo giorno di Magh (in genere il 14 o 15 gennaio), nonostante il freddo, è il più importante per è un'occasione per il bagno rituale nelle confluenze di fiumi, soprattutto a Devghat e Sankhu. La giornata inizia anche un periodo di un mese durante il quale le famiglie hindu leggono quotidianamente lo Swasthani, una raccolta di miti hindu, e molte donne emulano il digiuno di Parvati per Shiva, una delle storie dello Swasthani. Il Darshan nel tempio della cittadina di Devghat è occasione di pellegrinaggio.

Un deliziosi piatto speciale preparato per Maghe Sankranti è una miscela di lenticchie nere e riso con spezie piccanti e burro chiarificato, chiamato hichadi, viene servito anche in questo giorno di festa di buon auspicio. Preparato senza spezie, il kichadi è dato acnhe ai bambini e agli ammalati in tutto il corso dell0anno.

 

Ghyo Chaku Sanlhu, il Magh dei Newar

La gente Newar organizza feste e celebra questa ricorrenza con il nome di Ghyo Chaku Sanlhu घ्यःचाकु संल्हु cioè il "giorno in cui si mangiano ghee e chaku) con un pasto che include burro chiarificato, melassa, igname, esamo. Inoltre è anche un giorno di commemorazione delle anime dei fanigliari defunti

 

Magh Sankranti a Panauti

Ogni anno durante il mese nepalese di Magh (di solito gennaio), i pellegrini si recano a Panauti per immergersi alla confluenza dei due fiumi e celebrare così la fine del mese di Poush, un periodo di riflessione in cui è vietata qualsiasi cerimonia religiosa. Ogni 12 anni (la prossima volta sarà nel 2034) questa festa è accompagnata da un grande mela (fiera) che richiama fedeli e sadhu da ogni parte del Nepal.

 

Lotta dei tori a Nuwakot

A Nuwakot, (villaggio a sud del Solu, durante il mese di Magh, viene organizzato il festival della corrida. I tori addomesticati sono preparati per il combattimento e molti spettatori partecipano per osservare la festa popolare ini questa regione. Lo scontro è solo fra i tori, non vi è partecipazione umana come nella corrida.

 

Salinadi Yatra a Sanku

Durante il mese di Magh (gennaio-febbraio), i devoti hindu in Nepal (soprattutto donne) vengono a visitare il famoso Salinadi (uno stagno sacro) nella piccola cittadina di Sankhu (che si trova a circa 17 km a nord-est di Kathmandu) e digiunano durante questo periodo. Un giorno chiamato Lala Saptami è speciale perché in questo giorno i devoti maschi e femmine che hanno iniziato il digiuno vanno in giro per la città di Sankhu cantando “Madhav Narayan”.

Mentre le donne procedono scalze in gruppo, due maschi guidano le precedono, uno quasi rotolando per la città mentre l'altro cammina con un vaso sopra la testa contenente l'acqua santa. L'intero gruppo si ferma in molti luoghi dove le donne si aspergono con spruzzi di acqua dal sacro vaso.

 

Prithvi Jayanti

Questo giorno è celebrato in onore di Prithvi Jayanti, l'ultimo re del Regno di Gorkha e il primo re del Nepal. Nel XVIII secolo, Prithvi Jayanti riunì molti piccoli principati del Nepal in un paese che esiste ancora oggi e sembra lo stesso. Dopo decenni di discussioni, la giornata è stata eletta National Unity Day, che ora viene celebrata con entusiasmo.

Nel 2022 ricorre il 200° anniversario della nascita del fondatore del Nepal moderno, il re Prithvi Narayan Shah, che iniziò la campagna di unificazione nazionale dal piccolo stato collinare di Gorkha.
Il Nepal Army celebra l'occasione con vari programmi come sport e gare di poesie, mentre anche varie organizzazioni della società civile stanno organizzando moltitudini di programmi.

Ogni anno, la gente affolla la porta occidentale del Singha Durbar, il centro amministrativo del paese, per inghirlandare la statua del re Prithvi Naryan Shah, l'unificatore del Nepal.

Torna all'inizio

 

Sonam Lhosar - Capodanno Tamang

I Tamang hanno la loro cultura e dialetti che li distinguono da altri gruppi etnici. Tamang significa commercianti di cavalli. In Nepal, la principale comunità Tamang si trova nelle valli centrali enella valle di Kathmandu I Tamang dividono i loro anni in 12 cicli, ciascuno rappresentato da un animale dello zodiaco, seguendo lo stesso ordine del capodanno lunare. In Nepal, quando non esisteva il calendario, per calcolare l'età delle persone veniva utilizzato il sistema di rotazione a 12.

La comunità Tamang crede che Buddha sia nato il primo giorno della luna nuova, nel mese di Magha. Pertanto si ritiene che il primo giorno della festa sia quello più significativo. In questo giorno si svolgono le principali celebrazioni e balli.

Sonam Lochar è caratterizzato dall'offerta di preghiere nei monasteri. Le persone visitano anche i loro parenti per chiedere benedizioni agli anziani della famiglia. Le persone indossano abiti tradizionali colorati per sottolineare l'importanza della giornata nella loro vita.

I festeggiamenti vedono anche i Tamang mostrare il loro patrimonio culturale impegnandosi in spettacoli di musica e danza tradizionali. Tamang Selo, uno speciale ballo di gruppo della comunità, viene eseguito con grande entusiasmo. Molte delle danze vengono eseguite al ritmo del damphu, un tamburo tradizionale.

 

Torna all'inizio

 

Una lampada a burro viene offerta vicino al ritratto della dea Saraswati durante il festival Shree Panchami (Scri Panciami), dedicato alla dea dell'educazione Saraswati nella convinzione che la dea aiuterà i devoti ad eccellere nell'istruzione, a Kathmandu, Nepal, 16 febbraio 2021. REUTERS / Navesh Chitrakar REUTERS.

Basanta Panchami (o Vasant)

Basant Panchami viene celebrato ogni anno il quinto giorno della metà luminosa del mese del calendario lunisolare di Magha , che cade tipicamente a fine gennaio o febbraio. Basant o Vasant, primavera, è conosciuta come la "regina di tutte le stagioni", quindi il festival inizia con quaranta giorni di anticipo, periodo considerato di transizione fra una stagione ed un'altra. Panchami è il quinto giorno della luna calante (paksha).

Il giorno è anche conosciuto come Saraswati Puja, dalla dea del sapere, e Shri Panchami.

I campi da gioco delle scuole sono decorati con stelle filanti e i vengono benedetti libri e penne degli scolari  I ragazzi di casta alta possono sottoporsi a uno speciale rito di passaggio. La festa è celebrata in India ma anche in Nepal. Ci sono tre templi principali della dea Saraswoti nella Valle di Kathmandu; a sud di Patan si trova il tempio di Saraswati Kunda सरस्वती कुन्डा a Lele, il tempio di Nil Saraswati nel quartiere di Gairidhara (गैह्री धारा) e molti credenti arrivano al santuario di Saraswati sulla collina di Pashupatinath dove depongono fiori, dolci e frutta come offerta.

Questo è il giorno in cui molti bambini nepalesi iniziano a scrivere le loro prime lettere dell'alfabeto. I bambini vengono portati al tempio di Saraswati e gli viene chiesto di leggere e scrivere la prima lettera della loro vita. le mura dei templi di Swaraswati in tutto il paese vengono scarabocchiati da lettere alfabeto nepalese, numeri e śloka (devanāgarī: श्लोक). I bambini usano il gesso bianco per scrivere sull'ardesia o sul muro. Shree Panchami sia il giorno migliore per iniziare a imparare cose nuove.

 Scuole e college celebrano la puja di Saraswati. Nella regione di Madhesh e nel Terai c'è la tradizione di raccogliere denaro per costruire statue della dea Saraswati nei viali delle cittadine. Inoltre, il Festival di Primavera è adatto per matrimoni, in quanto la dea Saraswati benedice le coppie.

Torna all'inizio

Phaagun o Falgun (febbraio-marzo)

Febbraio - Prajatantra Diwash

Giornata della democrazia / ovunque in Nepal

 

Rastriya Prajatantra Diwas o Giornata della Democrazia

ISi celebra ogni 7 Falgun. I nepalesi furono liberati dalle grinfie dell'autocrazia Rana, famiglia di promi ministri ereditari che avevano esautorato il re, lunga 104 anni il 19 febbraio 1951. Per commemorare il giorno dell'indipendenza, il Nepal celebra ogni 7 Falgun come Rastriya Prajatantra Diwas. È di grande importanza nella storia del Nepal poiché era il giorno in cui i cittadini nepalesi erano liberi dal regime di Rana a lungo regnante. Tribhuvan Shah guidò il movimento per sconfiggere i Rana.

 

Losar o Lhosar (calendario lunare tibetano)

Il Festival di Capodanno Losar cade nei mesi di gennaio o febbraio ed è una delle festività più importanti in Tibet. Losar è la parola tibetana per Capodanno. La sillaba "Lo" significa anno e "sar" è nuova. Per un buddhista, questa ricorrenza ha un particolare significato spirituale.

La festa dura quasi una settimana. Vengono indossati costumi appropriati  e i gioielli più raffinati nelle danze tradizionali. I monasteri buddisti di Boudhanath e Swayambhunath sono adornati e decorati con bandiere di preghiera. Le danze sono eseguite principalmente in Khumbu, Helambu e in altre aree settentrionali del Nepal abitate prevalentemente da buddhisti lamaisti.

 

Maha Shiva Ratri - la grande notte di shiva

Famose 'na canna...

Maha Shivaratri è una delle maggiori feste del Nepal e significa letteralmente "La grande notte di  Shiva". Si celebra nel 14° giorno della luna nuova del mese di Phaagun, secondo il calendario lunare hindu. In questo giorno le stelle nell'emisfero settentrionale si trovano nella posizione ottimale per contribuire ad aumentare l'energia spirituale di una persona. Si ritiene inoltre che il principio di Shiva sia più attivo in questo giorno dell'anno.

Maha Shivaratri celebra la convergenza di Shiva e Shakti. Questa è la notte in cui Lord Shiva eseguì il "Tandav", la danza cosmica.

La "notte di Shiva" è caratterizzata da falò e veglie serali in tutte le aree hindu, ma in modo più spettacolare a Pashupatinath, dove decine di migliaia di pellegrini e sadhu da tutto il subcontinente si riuniscono per la più famosa delle "mela" del Nepal. Fervente adorazione e bizzarre dimostrazioni yogiche possono essere viste in tutto il complesso di Pashupatinath. I bambini raccolgono i soldi per la legna da ardere tenendo pezzi di spago lungo la strada per bloccare i passanti. I nepalesi dicono che il festival è solitamente seguito da un paio di giorni finali di clima invernale, che è il modo in cui Shiva incoraggia i sadhu indiani a tornare a casa.

Torna all'inizio

 

Alzare il chir segna l'inizio di Holi

Holi - La festa dei colori, un rave party a Kathmandu...

L'antico festival hindu dei colori si svolge anche in Nepal con proprie  caratteristiche. I Nepalesi celebrano a fine dell'inverno per circa una settimana. Spruzzare e lanciare acqua non è solo divertimento, ma simboleggia anche benedizioni divine.

La festa ricorda che il divino Krishna spruzzò le sue compagne (le gopi, pastorelle) con acqua colorata. Al turista che partecipa, consiglio di indossare gli abiti più vecchi prima di uscire in strada durante questo periodo e proteggere la macchina fotografica dall'insidiosa polvere colorata, un tempo naturale ma oggi sintetica ed industriale.

L'Holi, festa primaverile dell'acqua, è comune a molti paesi asiatici, dura circa una settimana e commemora il mito in cui il dio Krishna, quando era ancora un ragazzo, sconfisse in astuzia la demonessa Holika.

Festa dei colori.

Holi significa anche il trionfo del bene sul male, poiché celebra la vittoria di Vishnu come Narasimha Narayana su Hiranyakashipu. È anche l'occasione liberarsi dagli errori del passato e per porre fine ai conflitti incontrando gli altri, un giorno per dimenticare e perdonare.

In questo periodo, chiunque è bersaglio di palloncini d'acqua e polvere colorata. Culmina inel  Phaagun Purnima, il giorno di luna piena di Phaagun.

Oggigiorno è un rave party in Kathmandu e in molte città europee (addirittura nel parco accanto a casa mia...).

Nella tradizione, Holi iniziava con l'installazione del chir, un palo di bambù orlato di strisce colorate di stoffa. In passato si celebrava Holi per otto giorni, dal giorno dell'installazione del chir al giorno della luna piena come da calendario lunare. La sera di Holi, il Chir viene infine abbattuto bruciandolo (Chir Haran o Holika Dahan), ma oggi spesso la festa si celebra solo nel giorno della luna piena. L'Holi è tutt'ora celebrato anche in casa e nei templi, specialmente da donne e bambini e nella tradizione le donne non partecipano agli schiamazzi nelle vie, ma le nuove generazioni formatesi su MTV tralasciano la parte religiosa e festeggiano fino in fondo.

Torna all'inizio

Chait (marzo-aprile)

Seto Machhendranath Jaatra a Kathmandu.

La risposta di Kathmandu al Rato Machhendranath Jaatra di Patan (vedi sotto), vede un pesante carro di legno contenente la maschera bianca del dio Machhendranath trascinato attraverso gli stretti vicoli della città vecchia per quattro giorni, a partire da Chait Dasain.

Seto Machindranath, noto anche come Janabaha Dyo, Avalokiteśvara , Karunamaya, Guanyin è una divinità venerata sia dagli hindù che dai buddhisti a Kathmandu. Il tempio di Seto Machindranath si trova a Jana Bahal (noto anche come Machhindra Bahal). Situato a Keltole tra Asan e Indra Chok nel centro di Kathmandu, si ritiene che il tempio sia stato fondato intorno al X secolo. Ogni anno, l'immagine della divinità viene posta su un carro e sfila intorno a Kathmandu in un festival noto come Jana Baha Dyah Jatra. La divinità viene bagnata e ridipinta ogni anno come un rituale che simboleggia i cambiamenti che si verificano durante la propria vita.

 

Ghode Jatra - La festa dei cavalli

Ghode Jatra (nepalese: घोडे जात्रा) è un festival di cavalli originario della Valle dii Kathmandu che ha luogo durante la luna nuova di Chaitra Sukla Pakshya nel calendario lunare orientale, il che significa che di solito cade a marzo o aprile nel calendario occidentale.

La leggenda narra che il demone Gurumapa (chiamato anche Tundi) terrorizzasse gli abitanti, rapendo bambini e divorandoli. Il demone fu infine ucciso quando fu calpestato dai cavalli. Gurumapa fu sepolto sotto un albero a Tundikhel, un grande terreno erboso nel centro si  Kathmandu. Uccidere il demone non pose fine alla vicenda poiché il suo spirito continua a vivere, creando problemi in modi diversi.

Per mantenere il demone al suo posto, il re ordinò ai suoi cavalli di galoppare sul campo per calpestare nuovamente lo spirito del demone nel terreno. Questa tradizione annuale divenne Ghode Jatra.

Il giorno della festa, a Tundikhel si svolge una grande parata di cavalli e alla cerimonia partecipano dignitari di alto livello. L'esercito nepalese organizza corse di cavalli. Si dice che più velocemente corrano i cavalli, più velocemente lo spirito del demone sarà sottomesso. Vengono eseguiti anche altri eventi equestri, acrobazie e paracadutismo, che lo rendono un evento spettacolare e popolare. Anche la sfilata di cavalli, religiosamente conosciuta come Aswa Yatra, è organizzata per dare il benvenuto al nuovo anno. Una grandi folla si raduna intorno a Tudikhel per guardare ma non possono entrare in campo. Il rituale in seguito prese la forma di una festa celebrata in tutto il paese ed oggigiorno è festa nazionale.

Torna all'inizio

Samsung GTI8160 MV@2016
La squadra dei Verdi
La squadra dei Blu
La squadra dei Gialli
Dyah Lwakegu ad Asan (credit Binaya Shakya)

Pahan Charhe

Quasi in concomitanza con il Capodanno del  Vikram Samvat, la comunità newa celebra Pahan Charhe con sfilate, balli in maschera e adorazione religiosa che si svolgono nell'arco di tre giorni in luoghi diversi. Il festival inizia il quattordicesimo giorno dell'oscura quindicina di giorni di Cillā - चिल्ला, il quinto mese del calendario lunare newari. Invitare amici e parenti a casa propria e onorarli con una festa è uno dei momenti salienti della festa Le celebrazioni iniziano con la venerazione ella divinità Luku Mahadyah, una delle forme del dio hindu Shiva, la sera del primo giorno. La cerimonia di Dyah Lwakegu a Tundikhel segna il secondo giorno del festival, dove vengono riuniti i santuari portatili delle Ajima, le dee madri. L'evento conclusivo è il raduno dei palanchini di tre dee madri Ajimā Lumadhi Ajimā, Kanga Ajimā e Tebāhā Ajimā nella piazza del mercato di Asan Tole (Ason Tole) per la  cerimonia di Dyah Lwākegu.

Pāhān Charhe (Devanagari : पाहां चह्रे) è noto anche come Pāsā Charhe (पासा चह्रे) Pahan significa "ospite" e pasa significa "amico" in Nepal Bhasa. Charhe significa "quattordicesimo giorno della quindicina lunare" quando inizia la festa. Inizia il 14° giorno della quindicina oscura di Chillā (चिल्ला), il quinto mese del calendario lunare dell'era del Nepal.

 

Primo giorno

Le celebrazioni iniziano con l'adorazione serale della divinità Luku Mahadyah (लुकु महाद्यः), una delle forme di Shiva Luku Mahadyah significa "Mahadyah sommerso" e la sua immagine è custodita in una cavità nel èavimento I capifamiglia eseguono le loro devozioni alla divinità facendo offerte di un banchetto che include carne e vino. I fiori di colza (लुँबुँ) e i fiori di ravanello (वहबुँ) sono offerte speciali della festa e sono considerati rispettivamente il simbolo dell'oro e dell'argento.

A Nyata, un quartiere di Kathmandu, le danze sacre in maschera vengono eseguite su una piattaforma di pietra all'angolo della strada. È noto come Nyatamaru Ajimā Pyākhan o Danza di Swetkali La danza è eseguito da attori che indossano maschere che rappresentano varie divinità. La danza inizia la sera e dura tutta la notte. Il quartiere storico di Nyata è anche conosciuto come Naradevi.

 

Secondo giorno

L'evento principale del secondo giorno, che coincide con Ghode Jatra, è la cerimonia Dyah Lwākegu (द्यः ल्वाकेगु) presso la piazza d'armi di Tundikhel, dove vengono riuniti i santuari portatili delle dee madri Ajimā. Oltre a le gare di Ghode Jatra, a Bal Kumari, nella vicina città di Ptatan (Lalitpur), si tiene una corsa di cavalli.

Le immagini di sette dee madri Lumadhi Ajimā, Kanga Ajimā, Mhaypi Ajimā, Takati Ajimā, Mayti Ajimā, Yatamaru Ajimā e Bachhalā Ajimā sono installate su palanchini e sfilano nei rispettivi quarieri di Kathmandu. A tarda notte, vengono trasportati sulle spalle dei loro assistenti e riuniti a Tundikhel accompagnati da bande musicali. Dopo che tutti i palanchini sono arrivati, si tiene la cerimonia Dyah Lwākegu quando gli entourage che li accompagnano si scambiano torce fiammeggianti che simboleggiano l'incontro delle dee. La processione del palanchino delle dee Ajimā fu iniziata dal re Amar Malla nel Nepal Sambat 580 (1460).

 

Terzo giorno - Festa di Dyah Lwakegu ad Asan

L'evento conclusivo è il raduno dei palanchini di tre dee madri Ajimā Lumadhi Ajimā, Kanga Ajimā e Tebāhā Ajimā nella piazza del mercato di Asan per un'altra cerimonia Dyah Lwākegu. Prima dell'evento, i palanchini dei santuari portatili sfilano per le strade di Kathmandu scortati da bande musicali. I portatori di palanchini, musicisti e seguaci indossano berretti rossi, blu e gialli che rappresentano i rispettivi quartieri. Le processioni si fermano frequentemente per consentire ai devoti di fare loro offerte. Quando i palanchini raggiungono Asan attraverso vari percorsi, si tiene la cerimonia Dyah Lwākegu. Anche qui i partecipanti che accompagnano i santuari si scambiano torce accese mentre folle di spettatori riempiono la piazza del mercato. Le focacce di riso conosciute come chatānmari (चतांमरि) sono lanciate sui palanchini dai tetti delle case intorno alla piazza. ILa festarievoca l'incontro delle tre dee madri Ajimā che sono sorelle.

Anche I nepalesi residenti all'estero celebrano la festa organizzando riunioni

Torna all'inizio

Baisaakh (Baiśākha - बैशाख) (aprile-maggio)

Capodanno nepalese (con Sindoor Jatra e Bisket Jatra)

Primavera, ora del risveglio! E quanto è calzante che proprio in questo momento inizi il nuovo anno nepalese. Il primo giorno del mese di Baisakh ha inizio il Vikram Samvat (विक्रम संवत् scritto anche Bikram), l'anno nepalese ufficiale, adottato nel 1903 al posto del calendario newari. Il capodanno nepalese di Nawa Barsa, che cade sempre il primo giorno del Baisaakh, viene osservato con sfilate un po' da per tutto. Non solo a Capodanno ma anche nei giorni precedenti si svolgono feste e processioni.

 

Sindoor Jatra

Il giorno prima del Bisket Jatra a Thimi, uomini di vari  di vari quartieri dei villaggi circostanti di Bhaktapur mettono in scena una processione di 32 palanchini chiamati khat con immagini di varie divinità. Quando i 32 khat si uniscono, il sindoor (polvere di vermiglio) viene scagliato contro di loro e la cerimonia raggiunge il culmine quando il khat che porta Ganesha arriva dal villaggio di Nagadish.

Le folle sfilano su e giù per le strade fino a tarda mattinata quando Ganesha, portato da centinaia di uomini, fa una sosta per tornare a casa, inseguito da altri khat. Se quest'ultimo riesce a sorpassare Ganesha, le attività si prolungano, ma alla fine Ganesha se ne va e il festival si sposta al Tempio di Taleju. Più tardi, nel corso della giornata, la folla si riversa a Bodanath per assistere ad un'altra festa.

 

 

Torna all'inizio

 

Bisket Jatra a Bhaktapur

Culminante nel giorno di  Nawa Barsa, la celebrazione di cinque giorni di Bhaktapur, conosciuta come Bisket o Biska, è la più colorata, combinando processioni religiose con un turbolento tiro alla fune (vedi Bishanku Narayan). I vicini insediamenti di Thimi e Bode ospitano scene altrettanto selvagge.

Gli dei arrabbiati Bhairav e Kali vengono trascinati per le strade in una grande carro. Una collisione simbolica dei due carri rappresenta l'unione tra uomo e donna, che dovrebbe anche portare fertilità nel nuovo anno. Un punto culminante speciale è la creazione di un lingam approssimativamente alto 30 m (simbolo del fallo per Shiva). Dopo aver costruito il limgam, le squadre avversarie iniziano a tirare le corde finché non vacilla minacciosamente.

 

 

 

Chhaiti Chhath

La ricorrenza è celebrata nel Mithilanchan, l'area del sud del nepal al confine con l'India dove si parla Mithili, con l'offerta al Sole che sorge (Sol Levante). La festa che prevede l'adorazione del Sole che sorge e tramonta come una forma di Dio dura quattro giorni. I credenti osservano il digiuno e visitano gli stagni per adorare il Sole e fanno le offerte che includono prelibatezze, frutta e prodotti agricoli appositamente preparate. Il festival ispira tutti ad avere un approccio compassionevole e promuovere la non violenza. Spesso le donne osservano il digiuno e cercano benedizioni dal Dio Sole per la pace, la prosperità, il benessere fisico e la longevità.

Il rituale  è simile a quello autunnale del Chaat.

 

 

 

 

Chait Dasain (Chaite Dashain)

Come il suo omonimo autunnale, Chaite Dashain, il "piccolo Dashain", è osservato l'ottavo giorno dopo la luna nuova, comporta molti sacrifici animali alla Dea Durga. L'azione più cruenta si svolge nei templi della dea, come quello nel palazzo-castello di Gorkha, e nel cortile di Kot vicino alla piazza Durbar di Kathmandu, dove i vertici dell'esercito vengono ad assistere alla decapitazione di numerosi bufali e capre.

Nello Stato del Gandakhi, dove è festa pubblica dal 2020, si svolge il pellegrinaggio ai templi di Muktinath ma, in questo caso, senza sacrifici cruenti,

 

Ram Navami

Festa celebrata in onore e in memoria del Signore (Dio) Ram, avatar (incarnazione) del Signore (Dio) Vishnu. È celebrato con trasporto dai nepalesi, che visitano il vicino tempio di Ram con fiori e altre offerte. Per gli hindu, il Signore Ram simboleggia "l'uomo ideale". La sua vittoria su Ravana, demone dalle dieci teste, è vista come la manifestazione della vittoria del bene sul male anche nelle situazioni più terribili.

I templi di Ram o Vishnu in tutta la valle di Kathmandu e in diverse parti del Nepal, sono affollati di devoti in questo giorno. Ram Mandir a Battisputali, Changu Narayan e il tempio Budhanilkantha, Ichangu Narayan e Bichangu Narayan, non lontani da Kathmandu sono affollati ma l'afflusso maggiore è al tempio di Ram Janaki a Janakpur che accoglie migliaia di visitatori in questo giorno.

 

Sano Dasain

Le celebrazioni consecutive di Ram Navami e di Chaite Dashain sono conosciute come "Piccolo Dashain" ma hanno la stessa importanza della festa autunnale.

 

Bhoto Jatra MV @ 1995

Rato Machhendranath Jatra (Calendario newari)

Nella tarda primavera, dal mese di Bachalā - बछला, si svolge Machhendranath Rosso, celebrato a Patan per due mesi, uno dei più grandi festival del paese. Durante il festival, un carro con l'immagine di Machhendranath, che è adorato da hindu e buddhisti nepalesi allo stesso modo, viene trascinata per le strade. I buddhisti credono che sia una emanazione di Avalokiteshvara e gli hindu lo adorano come un'incarnazione di Shiva.

Machhendranath Rath Jaatra (बुंग द्यः जात्रा, Buṅga Dyaḥ Jātrā) è forse la festa più spettacolare del Nepal: migliaia di persone si radunano per vedere l'immagine di Machhendranath, la divinità portatrice di pioggia della valle di Kathmandu, trascinata per le strade di Patan su un carro ondeggiante alto 18 metri. Si muove solo nei giorni astrologicamente di buon auspicio, impiegando quattro settimane o più per completare il suo viaggio fino al villaggio di Bungamati da dove poi rientrerà a Patan.

La Bhoto Jatra è il giorno finale della lunghissima festa, quando la veste sacra "bhoto" viene sollevata e mostrata alla folla dai quattro lati del carro

Per ulteriori informazioni, vedere la grande corsa di Raato Machhendranath.

 

Dumji ( Junbesi, Solukhumbu (Calendario Tibetano)

In tarda primavera (aprile - maggio) si svolge una festa detta Dumji che commemora la nascita di Guru Rinpoche su un fiore di loto. Lama Sangwa Dorji, fondatore del primo monastero del Khumbu, fu anche il primo ad iniziare la celebrazione del Dumji a Pangboche, circa 370 anni fa. La festa ricorda anche l'obbligo rigoroso e di aiutare tutti i membri della comunità. A intervalli regolari spetta a tre famiglie dare da mangiare e da bere a tutto il paese per il periodo dei festeggiamenti, che dura quattro giorni.

Dumji si svolge esattamente due mesi dopo il Losar (il capodanno tibetano), nel giorno della "luna oscura", quindi è alla fine della stagione primaverile, che è anche il momento in cui il bestiame viene portato ai pascoli più alti. Dura quattro giorni e durante la festa i lama mascherati eseguono danze cham con preghiere e rituali.

 

Jeṭha - जेठ (Maggio-Giugno)

 

Everest Day (29 maggio)

Il "Giorno della Repubblica" è anche il giorno della prima ascensione del Monte Everest (il 29 maggio 1953 da e Tenzing Norgay ed Edmund Hillary).

 

Republic Day (गणतन्त्र दिवस)  (29 maggio)

Per la data della festa della repubblica è stato scelto l'anniversarioi del 29 maggio 2008 si è svolta la prima riunione dell'Assemblea costituente del Nepal, che ha posto fine ai 240 anni di regno dei re Shah e ha dichiarato il Nepal una repubblica.

L'istituzione della repubblica pose fine alla guerra civile che durò per quasi un decennio. Secondo il calendario nepalese, il giorno della repubblica è segnato ogni anno sul 15 di Jestha.

Le celebrazioni includono una parata militare a Kathmandu e diversi programmi su piccola scala organizzati da varie agenzie governative in tutto il paese.

 

Buddha Jayanti - Saga Dawa (calendario tibetano)

Il giorno della luna piena a maggio/giugno è uno dei giorni più sacri dei buddhisti, Buddha Jayanti (anniversario della nascita del Buddha, 'illuminazione e morte). I buddhisti di tutto il mondo celebrano questa giornata con grande devozione, praticando la generosità, osservando i comandamenti morali, visitando i monasteri e ascoltando le preghiere dei venerabili monaci e monache. In Nepal, i devoti buddhisti addollano gli stupa di Boudhanath e Swoyambunath.

Migliaia di credenti dal Nepal e da tutto il mondo si recano a Lumbini, la città natale di Buddha, per partecipare al servizio. In questo giorno i buddisti sono particolarmente amichevoli verso gli animali. Comprano uccelli in gabbia per liberarli o pagano i macellai per liberare gli animali destinati al consumo.

Buddha Jayanti L'vengono celebrate nel giorno di luna piena del Baisaakh in tutti i templi buddisti, ma in modo più visibile a Swayambhu, dove lo stupa è decorato con migliaia di luci e le danze rituali sono eseguite da sacerdoti vestiti come i cinque aspetti della Buddità. Le processioni si svolgono anche allo stupa di Boudha e a Patan. Curiosamente, le osservanze nel luogo di nascita del Buddha, Lumbini, sono piuttosto scarse.

Per conoscere la data del prossimo Buddha Jayanti, vai alla pagina del Nepal Touristi Board-

Torna all'inizio

Saaun (luglio-agosto)

 

Naag Panchami

Questo è un famoso festival hindu in onore dei Naga. La parola Naga viene dal sanscrito e significa divinità serpente. In questo giorno i credenti venerano i serpenti e appendono le immagini di serpenti sulla porta d'ingresso. Gli indiani e i nepalesi spesso fabbricano i serpenti con legno, pietra o argento e li colorano. Credono che i serpenti creino e portino buona fortuna a tutta la famiglia. Ecco perché mettono il latte davanti alla porta o alle rocce e leggono preghiere per i serpenti. Nei villaggi, i nepalesi costruiscono grandi altalene di bambù. Per alcuni giorni, i ragazzi si divertono e oscillano più in alto possibile.

Il mito hindi narra che i Naga impedirono alla pioggia di cadere sul Nepal. Anche il re di quel tempo era un tantrico e così usò il suo potere per far sì che i Naga lasciassero andare la pioggia. Il re ci riuscì, ma onorò anche il maestoso potere dei Naga trasformando il giorno della vittoria in un'occasione di festa con il Nag Panchami. I templi Naga nella valle di Kathmandu sono a Nagpokhari, Taudaha e Nagdaha.

Per conoscere la data del prossimo Naag Panchami, vai alla pagina del Nepal Touristi Board,

 

Yartung Mela (Calendario tibetano)

Il festival buddhista Yartung Mela è celebrato in tutto il Mustang, ma soprattutto a Muktinath, ogni anno nella luna piena ad agosto. La parola "Yartung" significa la fine dell'estate e il festival "Mela", quindi la Yartung Mela è il solenne addio dell'estate. Si può anche dire che è la festa del raccolto, grazie a Buddha, per ricevere un altro raccolto anno favorevole.

Dura per tre giorni, ogni giorno incoronato da una grande corsa di cavalli. Il primo giorno si svolge la gara reale, il secondo giorno il derby per i monaci e l'ultimo giorno per i locali. Inoltre, un sacco di ballare, mangiare e bere. Incentrata sul giorno della luna piena e caratterizzata da grandi bevute e gioco d'azzardo.

 

Janai Purnima

Janai Purnima Il cambio annuale del filo sacro (janai) indossato dagli uomini hindu di alta casta si tiene nei luoghi di balneazione sacri in tutto il paese nel giorno di luna piena di Saaun. Uomini e donne di qualsiasi casta possono anche ricevere una "fascia protettiva" gialla e arancione (raksha bandhan) attorno a un polso, che viene poi indossata fino a Tihaar, quando dovrebbe essere legata alla coda di una mucca. Pellegrinaggi si svolgono a Gosainkund, un lago sacro sulle montagne a nord di Kathmandu, ai cinque laghi di Panch Pokhari in Helambu, ai laghi di Dudhkunda sotto il monte Numbur, a Pashupatinath e soprattutto il tempio Kumbeshwar di Patan, dove i sacerdoti legano le corde e conferiscono la tika, il bollino rossocremisi. I jhankri (sciamani delle colline) eseguono danze sacre.

Per conoscere la data del prossimo Janai Purnima, vai alla pagina del Nepal Tpurist Board.

 

Gai Jatra

Nel corso di Gai Jatra o "Festa delle mucche" nella valle di Kathmandu, centinaia di persone decorate, in parte vestite di mucca, camminano per le strade accompagnate da mucche festosamente vestite. Secondo la fede, le anime dei morti pendono sulle code delle mucche. Quando un membro della famiglia muore, è consuetudine che un ragazzo si unisca a una festa con una mucca.

La tradizione di Gaai Jaatra Newari vuole che Yamraj, il dio della morte, apra le porte del giudizio nel giorno della luna piena, permettendo alle anime dei defunti di entrare. Cadendo il giorno dopo la luna piena, Gaai Jaatra onora le mucche (gaai), che dovrebbero condurre le anime dei defunti alla dimora di Yamraj. Le processioni a Kathmandu, Bhaktapur e in altre città di Newari sono sia solenni che stravaganti: un'occasione per le famiglie per onorare i propri cari morti nell'ultimo anno, ma anche per i ragazzi che si vestono con fantasiosi costumi da mucca o si mascherano da sadhu.

Attenzione a non confondere Gai Jatra con il terzo giorno del Tihar in cui si onora la mucca.

 

Gunhi Punhi a Bkaktapur

A Bhaktapur, dove il festival è noto come Gunhi Punhi e inizia il giorno prima (in coincidenza con Janai Purnima). "Kwati khane din" è il giorno in cui gli agricoltori danno da mangiare riso e kwati alle rane. Gli uomini sfilano per la città in costumi divertenti. Gli spettacoli satirici di strada sono meno comuni al giorno d'oggi di quanto non lo fossero una volta, ma giornali e riviste pubblicano caustici articoli speciali su Gaai Jaatra.

 

Nag Panchami

Il quinto giorno dopo la luna nuova, i residenti della valle di Kathmandu propiziano silenziosamente i Nāga Devata (spiriti dei serpenti) che sono tradizionalmente tenuti a controllare le piogge monsoniche ei terremoti, incollando immagini di nag sulle loro porte con sterco di vacca e offrendo latte, riso e altri cibi sicuramente più graditi delle immagette sacre. Il rito ricorda la vittoria di Krishna sul serpente Kalia.. I pozzi vengono puliti solo in questo giorno, quando si crede che il nag sia lontano ad adorare le loro divinità ancestrali.

 

Chanta Karna

Il quattordicesimo giorno dopo la luna piena, i residenti delle città della valle di Kathmandu celebrano la vittoria degli dei sul demone Ghanta Karna ("Bell Ears") erigendo delle effigi e poi bruciandole o abbattendole.

Torna all'inizio

Bhadau o Badra (agosto-settembre

 

Krishna Astami

Krishnastami, il compleanno di Krishna (chiamato anche Krishna Jayanti o Krishna Janmastahmi), inizia l'ottavo giorno della luna calante. Immagini e statue del dio amato sono adornate e adorate. Il modo migliore per vedere il festival è al Tempio di Krishna a Patan. Le veglie si tengono anche la sera prima.I suoni si sentono tutta la notte.

Per conoscere la data del prossimo Krishna Astami, vai alla pagina del Nepal Tourist Board.

 

Kushe Aunsi

Il popolo nepalese celebra la tradizionale festa del papà. Kushe Aunsi conosciuta anche come Gokarna Aunsi. È un giorno speciale dedicato alla venerazione del padre. In questo giorno di buon auspicio, i figli e le figlie tornano a casa per incontrarsi e trascorrere del tempo con i loro padri. A tutti i padri vengono offerti prelibatezze fatte in casa, dolci, carne e altri doni e ci si reca al tempio di Gokarna per ricordare gli antenati

 

 

 

 

 

 

Per conoscere la data del prossimo Kushe Aunsi, vai alla pagina del Nepal Tourist Board.

 

Haritalika Teej

Haritalika è una ricorrenza celebrata in tutto il Nepal per tre giorni: abbigliate con sari rossi e tika rosse, bracciali rigidi, le donne cantano e ballano canzoni popolari tradizionali per giorni. Le donne sposate ricevono l'invito a visitare la casa materna dove, peraltro, i figli sono appena stati in occasione della festa del papà celebrata due giorni prima..

Dopo il lungo pranzo, noto anche come dar, viene praticato un giorno di digiuno, dove la maggior parte non mangia e nemmeno beve acqua. Ciò che affascina è vedere donne di tutte le età, giovani e meno giovani, ballare per ore al caldo, sotto la pioggia, senza una goccia d'acqua o cibo per un'intera giornata.

È uno spettacolo mescolarsi alla folla davanti al tempio di Pashupatinath, dove migliaia di donne drappeggiate in rosso e verde affollano i locali del tempio. Se sei in Nepal in questi giorni di festa, puoi scattare, senza problemi, foto di chi balla allegramente e le turiste sono invitate a partecipare alla festa ed alle danze.

In questa occasione le ragazze chiedono a Shiva la benedizione di avere un buon marito mentre le donne sposate pregano per la longevità e prosperità del consorte.

Nell'ultimo dei tre giorni di festa, le donne pregano sette rishi (santi) offrendo loro cibo, denaro e altri prasad, e anche facendo il bagno con fango rosso (eaiwan) e lavandosi i denti con i datiwan (rami di un cespuglio) sperando che questo purifichi corpo e anima.

Per conoscere la data del prossimo Teeji, vai alla pagina del Nepal Tourist Board.

Torna all'inizio

 

Rishi Panchami

Nell'ultimo giorno dell'aharitalika Teej le, donne hinduiste pregano i rishi, cioè i santi.

 

Ganesh Chaturthi o Ganeshotsav o Ganpati Sthapana

Anniversario della nascita di Ganesh, venerato come dio di saggezza, prosperità e buona fortuna. Si ritiene che sia nato nel quarto giorni di Shukla Paksha, la luna crescente del mese di Bhadrapada (bhadra - agosto settembre).

Ganeshotsav, la festa di di compleanno di Ganesh, termina dopo 10 giorni nell'Anant Chaturdashi, noto anche come Ganesh Visarjan, l'Anant Chaturdashi più coreografico e più famoso è a Mumbai dove le statue di Ganesh vengono trasportate in processione ed immerse nel mare arabico.

In Nepal, i devoti affollano in particolare i templi di Ashok Binayak e Chandra Binayak a Kathmandu, Surya Binayak e Kamal Binayak a Bhaktapur.

La luna della notte precedente al  Ganesh Visarjan porta sfortuna e nei lunari degli astrologi hinduisti nepalesi sono segnate le ore in cui non si deve assolutamente guardare la luna nel cielo.

La comunità new celebra il giorno con il nome di Chatha Parva.

 

Indra Jatra

Una settimana di processioni di carri e spettacoli di danze in maschera a Kathmandu, tenutasi intorno alla luna piena di Bhadau. Indra Jatra (noto anche come il Festival Kumari) si svolge in onore del dio Indra (dio della pioggia) e dura otto giorni. Annuncia la fine del monsone ed è anche l'inizio della stagione migliore. Sia gli ihindu che i buddihsti celebrano con grande entusiasmo Indra Jatra. Inoltre, vengono eseguite varie danze classiche, come la danza degli elefanti o il Lakhe, una danza molto popolare in cui un uomo balla con una maschera. L''ultimo giorno, noto anche come Kumari Jaatra, la birra sgorga dalla bocca di un idolo in Durbar Square e viene festeggiata anche la Dea Bambina che in Durbar Square ha il suo palazzetto.

Per conoscere la prossima data della festa, consulta il sito del Nepal Tourist Board.

Torna all'inizio

Asoj (settembre-ottobre)

 

Dasain (o Dashera)

Sebbene di origine hinduista, il festival più lungo e più grande del Nepal è accolto con entusiasmo da membri di quasi tutti i gruppi religiosi ed etnici. Si estende per quindici giorni, dalla luna nuova alla luna piena di Asoj, con l'azione più vivace che si svolge il settimo, nono e decimo giorno. Normalmente cade subito dopo la raccolta estiva del riso, Dasain è un momento in cui le famiglie si riuniscono (gli autobus sono estremamente affollati di passeggeri diretti a casa), i bambini devono essere viziati (con aquiloni, altalene improvvisate e ruote panoramiche in miniatura) e gli animali essere sacrificato (strade e mercati in tutto il paese sono pieni di capre condannate).

Il primo giorno, noto come Ghatasthapana, la gente pianta jamura (orzo) in un kalash (vaso santificato), che rappresenta Durga, la dea onorata di Dasain; le piantine verranno raccolte e portate tra i capelli il decimo giorno. I devoti si riuniscono nei templi della dea locale durante le nove notti successive.

Un festival separato, Panchali Bhairab Jaatra, prevede processioni notturne tra il santuario di Bhairab e il Kumari Ghar a Kathmandu e coincide con il quarto e il quinto giorno di Dasain.

Fulpati al tempo del Covid 19

Il settimo giorno è detto Fulpati, un mazzo di fiori sacri (fulpati) viene portato in processione da Gorka in tre giorni fino alla Rani Pokhari di Kathmandu, dignitari del governo aspettano il suo arrivo a Rani Pokhari nel tardo pomeriggio, e poi al Palazzo Hanuman Dhoka. Questo giorno è celebrato gioiosamente a Kathmandu, dove un gran numero di credenti si riuniscono e seguono una lunga processione. Le persone indossano abiti e costumi tradizionali e trasportano fiori, steli di banana, jamara (un'erba sacra) e canna da zucchero in un panno rosso. Indossano anche un kalash, un secchio tradizionale in ottone con acqua santa. I doni vengono offerti alla dea Durga e portati dal Gorkha Durbar al Dashain Ghar ad Hanuman Dhoka (Antico Palazzo Reale). I fedeli ballano in corteo per la strada cantando inni religiosi.

 Il nono giorno, Navami, inizia a mezzanotte con sacrifici tantrici di bufali all'interno dei templi proibiti di Taleju (una forma di Durga) della valle di Kathmandu; durante il giorno, gli animali vengono decapitati pubblicamente nel cortile di Kot vicino alla piazza Durbar di Kathmandu e in ogni villaggio e città del Nepal; il loro sangue viene spruzzato su strumenti, veicoli e persino aerei per impartire la shakti (potere) di Durga . Questi rituali commemorano l'uccisione del demone Mahisasur da parte di Durga e, più in generale, il trionfo del bene sul male. Bijaya Dasami, il "Decimo Giorno Vittorioso", celebra la vittoria di Ram sul demone Ravana - con l'aiuto di Durga. Diverse processioni e gruppi di danza mascherati percorrono le strade e le famiglie visitano i loro anziani per ricevere benedizioni e tika.

  

 

Giorno della Costituzione

La legge fondamentale del 1948 è cambiata sette volte in periodi diversi. L'ultima legge fondamentale è entrata in vigore il 20 settembre 2015, quando il Nepal è stato proclamato Repubblica Federale. La festa era originariamente il 9 novembre, ma è celebrata il 19 settembre dal 2015. In questo giorno, nella piazza della città si svolgeranno una tradizionale marcia dell'esercito nepalese e polizia e picchetti di varie caste e comunità.

Torna all'inizio

 

Kaattik (ottobre-novembre)

 

Festa di Jitiya

Celebrata da donne appartenenti al gruppo etnico di Tharu a Kathmandu e nel Nepal del sud. Jitiya è un simbolo di vittoria e un nome di Jituwa, un figlio benedicente del sole. Le donne credono che quando rendono omaggio al dio nel corso della festa, i loro figli riusciranno a far fronte alle difficoltà. Ecco perché tradizionalmente celebrano l'evento con fiori e danze. Nel primo giorno della festa di tre giorni, le donne di solito non mangiano e bevono nulla. Ma a loro piace visitare la famiglia e gli amici e non lavorare. I bambini attendono con impazienza Jitiya perché ricevono nuovi vestiti dai genitori e si rimpinzano di leccornie in famiglia.

 

Mani Rimdu  (Calendario tibetano)

Tenuto nei monasteri di Tengboche e Chiwong nella regione dell'Everest intorno alla luna piena del nono mese tibetano (ottobre / novembre), questa colorata danza sherpa in maschera drammatizza la vittoria del buddhismo sull'antica religione Bon nel Tibet dell'ottavo secolo. Un evento simile si tiene a maggio o giugno a Thami.

I tempi del Mani Rimdu Festival sono determinati dal calendario lunare tibetano. Il festival è il più grande evento per gli sherpa della regione del Khumbu. I lama e gli sherpa si radunano per 3 giorni. L'obiettivo del festival è scacciare i demoni e premiare i fedeli. Monaci in abiti colorati e grandi maschere scure ballano danze simboliche per distruggere il male. Il festival è accompagnato da giochi e preghiere. Dato che il monastero di Tengboche si trova nella zona del Monte Everest, ha senso combinare le giornate del festival con una camminata.

Leggi il Mani Rimdu al monastero di Ciwong.

Torna all'inizio

 

Lhabab Duchen (Calendario tibetano)

Il Lhabab Duchen è celebrato in Nepal principalmente dai gruppi etnici Tamang, Sherpa e altri tibetani. In Tibet di religione buddhista, "Lha" significa paradiso/divinià e "bab" discesa. Il festival è celebrato per commemorare la discesa del Buddha dal cielo degli dei - qui ha insegnato il Dharma a sua madre per tre mesi. In questo giorno, le buone e cattive azioni dei buddhisti si moltiplicano di 10 milioni. Durante il festival, vengono indossati bellissimi vestiti tradizionali e vengono visitati i monasteri buddhisti, dove i monaci eseguono rituali di danza con maschere (cham).

 

Tihaar (Diwali vicino all'India)

Dura per cinque giorni, a partire da due giorni prima della luna nuova, la "Festa delle luci" è associata a Yamraj, il dio della morte, e Lakshmi, la dea della ricchezza e della buona fortuna. Il primo giorno, i nepalesi distribuirono cibo su piatti con foglie per i corvi, considerati i messaggeri di Yamraj; nel secondo, onorano i cani come guardiani di Yamraj, dando loro tika, ghirlande di fiori e cibi speciali; e sulla terza ghirlanda di mucche sia come simbolo di Lakshmi che come guida dell'anima al mondo sotterraneo di Yamarj. L'evento più pittoresco del festival, Lakshmi Puja, arriva la sera del terzo giorno, quando le famiglie in tutto il Nepal suonano le loro case con lampade a olio, candele o luci elettriche per guidare Lakshmi alle loro case in modo che possa benedirle con la prosperità per l'anno. Confidando in lei, molti nepalesi giocano d'azzardo agli angoli delle strade e gruppi di studenti fanno il giro cantando "Diusire", una forma di raccolta fondi musicale. Anche i petardi sono diventati una parte importante del divertimento per i bambini.

Per i Newari, il quarto giorno è noto come Mha Puja ("Adorazione di sé"), un'occasione per rituali privati, e anche il loro capodanno, caratterizzato da striscioni, auguri e sfilate di motociclette nelle tre città principali della valle di Kathmandu. Il quinto giorno, Bhaai Tika, le sorelle rievocano il mito di Jamuna, che indusse Yamraj a posticipare la morte di suo fratello a tempo indeterminato, benedicendo i loro fratelli minori e dando loro ghirlande di fiori, tika e dolciumi.

Tihar o Diwali rientra nella stagione del raccolto, è una felice riunione di famiglia e viene celebrato in tutto il Nepal. Centinaia di lampade ad olio sono installate in tutti i templi. Il festival si estende per 5 giorni. Purtropppo oggigiorno si preferiscono le lucine elettriche al posto dei lumini in  terracotta.

Leggi la pagina la Festa del Tihar.

Per sapere la data leggi il sito del Nepal Tourist Board

Leggi la pagina di Mha Puja (calendario newari) Per conoscere la data di Maha Puja, vai al sito NTB

 

Chhath

In concomitanza con il terzo giorno di Tihaar, questa  festa onora Surya, il dio del sole, ed è uno dei più importanti per le persone di lingua maithili del Terai orientale. Chhath è celebrato in modo più ardente a Janakpur, dove le donne si riuniscono in stagni e fiumi per salutare i primi raggi del sole con preghiere, offerte e bagni rituali.

Fino ad un decennio fa, Chhath Parva, o solo Chath, era una festa sconosciuta a Kathmandu.

Con la massiccia immigrazione dal Terai e la folta presenza di Madesi, ora si svolgono celebrazioni in vari quartieri di Kathmandu e nella grande cisterna di Rani Pokhari, forse la più corografica. Qui si può assistere sia alla veglia notturna dopo il tramonto del secondo giorno sia il saluto al sole delle donne immerse con i loro saari nell'acqua lustrale all'alba del terzo giorno.

Per conoscere la data della prossima Chhath Parva, consulta la pagina del Nepal Tourist Board.

 

Torna all'inizio

 

Mangsir (novembre-dicembre)

 

Ram-Sita Biwaha Panchami

Fino a 100.000 pellegrini convergono a Janakpur per questo raduno di cinque giorni, che inizia con la luna nuova di Mangsir. Il momento clou è la rievocazione del matrimonio di Ram e Sita, i divini amanti sfortunati del Ramayana, uno dei grandi poemi epici hindu.

 

Yomari Punhi (calendario newa Thiṁlā - थिंला

 

 
 
 

È una festa del raccolto celebrata dall'etnia Newari. Prende nome dallo yomari, dolce di riso appena raccolto, preparato appositamente durante la festa e apprezzato da tutti. La gente della valle di Kathmandu prega Annapurna, la dea dell'abbondanza di cereali, per la raccolta del riso.

Yomari, chiamato anche yamari, è una prelibatezza della comunità newari. Si tratta di uno gnocco cotto al vapore che consiste in un rivestimento esterno di farina di riso con ripieni dolci come chaku e khuwa. Questo dolce  gioca un ruolo molto importante nella società newa ed è una parte fondamentale del festival di Yomari Punhi. Secondo alcuni la forma triangolare dello Yamari è una rappresentazione simbolica di una metà dello shadkona, simbolo di Saraswat, dea della saggezza.

La festa di Yomari Punhi si celebra il secondo giorno di luna piena quando vengono offerte preghiere durante le quali gli yomari vengono conservati e non mangiati. Il quarto e ultimo giorno le persone appartenenti alla comunità Newa consumano il dolce come dono degli dei e questa pratica segna anche la fine della festa.

Secondo le leggende, Suchandra e Krita, una coppia di sposi, sperimentarono per primi l'uso del riso appena raccolto nel  loro campo a  Panauti   E quello che ha preso forma si è rivelato essere noto come yomari. La nuova prelibatezza fu distribuita tra gli abitanti del villaggio. Poiché il cibo piaceva a tutti, il dolce fu chiamato yamari, che letteralmente significa "pane gustoso".

Il mito afferma inoltre che lo stesso giorno la coppia offrì al dio della ricchezza, Kubera, che passava sotto mentite spoglie, la nuova prelibatezza. In seguito, Kubera ha rivelato la sua vera identità e ha benedetto la coppia con ricchezza. Ha anche dichiarato che chiunque preparerà yamari sotto forma di dei e dee durante la luna piena di dicembre e osserverà quattro giorni di devozione a dio, si libererà della povertà.

Per conoscere la data del prossimo Yomari  Punhi, consulta la pagina del Nepal Tourist Board.

 

 

Matinaa Paaru

Il giorno successivo a Yomari Punhi, si celebra un giorno simile a San Valentino . Secondo il 'Kantipur' dello storico di Basu Pasa, tra le diverse forme di yomari, 'Bayo yomari' simboleggia l'organo sessuale maschile mentre il triangolo a forma di due punti all'estremità noto come 'Mayo yomari' suggerisce l'organo sessuale femminile e rappresentano rispettivamente il padre e la madre. Il Bayo yomari è ripieno di melassa e semi di sesamo mentre il Mayo yomari è ripieno di legumi. Quindi, Yomari è considerata una combinazione simbolica dei sessi. La cultura dil "Yomari Fonegu" è in relazione con l'amore e il romanticismo. La gente andava di casa in casa, di piazza in piazza per chiedere yomari, e in quel momento avevano la possibilità di sbirciare e parlare con i loro amati.

Nel passato, la società era restrittiva con l'amore. Il "Yomari Fonegu" di Yomari Punhi era utilizzata come giorno di incontri pubblici e gli amanti si davano un appuntamento segreto in un l'altro giorno.

 

Udhauli Parva (Festa di Udhauli)

Udhauli Parva è il festival della comunità Kirat Rai.  Significa la migrazione verso il basso delle persone collinari la coltivazione delle risaie quando il tempo è adatto nelle pianure.  Allo stesso modo, c'è il festival Ubhauli osservato nel mese di Baisakh che significa migrazione verso l'alto per la raccolta della risaia quando il clima diventa più caldo nelle pianure. Il festival menziona anche la migrazione di uccelli e animali dalle colline al Terai e viceversa.

È anche noto come Bhumi Puja per il motivo per cui la comunità di Kirat prega i loro dei protettori Sumnima e Paruhang per raccolti sani e sicurezza dalle catastrofi naturali.  L'altro nome di questo festival è Sakela Udhauli poiché i devoti lo celebrano con la tradizionale danza sakela.

I Kirant amano l'agricoltura e la natura e celebrano la festa con grande devozione e gioia e mantengono vivi i loro valori tradizionali, ovunque si trovino sul pianeta.

Udhauli Parva è basato sulla leggenda della mitologia kirat di un dio del sole che si innamora del dio della terra. Paruhang, il dio del sole, si innamorò della bellezza di Sumnina, dea della terra. Rimase così colpito da lei che regalò a Sumnina un bellissimo pettine e le propose di sposarlo. Lei accettò, e così i cieli e la terra si unirono in matrimonio e vissero insieme in beatitudine, finché un giorno Paruhang scomparve senza preavviso.

Sumnina era preoccupata per il marito scomparso da diversi giorni. Ma nonostante la sua tristezza, aveva ancora i suoi figli da amare e di cui prendersi cura. Così, mentre cercava cibo nella foresta per nutrire i suoi figli, trovò una pianta rampicante che le avrebbe dato potere, felicità, forza e la voglia di dire la verità se l'avesse mangiata. Credendo che questi sentimenti potessero aiutare gli altri, trasformò la pianta in un buti (talismano tradizionale) che le persone potevano indossare. Questo talismano ha aiutato molti a trovare pace e felicità nelle loro vite, e lei ne era contenta, anche se suo marito le mancava ancora molto.

Dopo diversi giorni, Paruhang tornò da Sumnina. Dopo aver indossato il talismano che fa dire la verità, Paruhang disse a Sumnina di aver meditato e visitato l'intero universo mentre era seduto in cima al Monte Everest. Nonostante tutte le meraviglie che aveva visto e sperimentato, tornò comunque a casa da lei e dalla loro famiglia e promise che non se ne sarebbe mai più andato, come se l'universo stesso non potesse essere all'altezza della sua amata moglie e dei suoi figli.

Sentendo questo, Sumnina ballò di gioia. Oggi, questa danza viene eseguita al festival ed è conosciuta come la danza Sakela. Giovani ragazze e ragazzi eseguono questa danza per trovare l'amore come quello tra Paruhang e Sumnina

Torna ad inizio pagina

 

Thamu Lhosar (Capodanno calendario Gurung)

Rispettando il calendario lunare Tamang, Magar, Gurung e altre comunità himalayane del Nepal celebrano Tamu Lhosar come il loro capodanno durante il mese di dicembre. I Gurung hanno un ciclo di 12 anni che rappresentano varie creature (garuda, serpente, cavallo, pecora, scimmia, uccello, cane, cervo, topo, mucca, tigre e gatto). I monasteri sono graziosamente adornati con oggetti decorativi colorati. Nella festa, gli uomini Gurung indossano bhangra, un grembiule bianco e un kachhad, un pantaloncino.

Le donne Gurung, sia bambine che adolescenti, indossano il ghalek, camicette di velluto e ornamenti d'oro come orecchini e collane di pietre semipreziose.

Le persone ricevono benedizioni dai monaci per ottenere prosperità e felicità. Ogni casa alza una bandiera sul tetto. Viene organizzata una festa in casa e gli inviti vengono inoltrati a parenti e amici. Cibo delizioso, musica e danza diventano l'essenza della festa. Si scambiano saluti e regali.

Per conocere la data del prossimo Thamu Lhosar, consulta la pagina del Nepal Tourist Board.

Torna all'inizio

 

marco vasta © 2012-2030

Numero mese Nepal Sambat (नेपाल संवत् - nepāla saṃvat) corrispondenza 
1 Kachalā - कछला Ottobre - Novembre
2 Thiṁlā - थिंला Novembre - Dicembre
3 Pohelā - प्वँहेला Dicembre - Gennaio
4 Sillā - सिल्ला Gennaio - Febbraio
5 Cillā - चिल्ला Febbraio - Marzo
6 Caulā - चौला Marzo - Aprile
7 Bachalā - बछला Aprile - Maggio
8 Tachalā - तछला Maggio - Giugno
9 Dillā - दिल्ला Giugno - Luglio
10 Guṁlā - गुंला Luglio - Agosto
11 Ñalā - यंला Agosto - Settembre
12 Kaulā - कौला Settembre - Ottobre

il sito di marco vasta

lento pede ambulabis

Su ] INFO leggere ] Dove andiamo ] Programma ] [ Feste in Nepal ] Visto ] Clima ] Cosa mangio? ] Night Life ] Redazionale AnM ] Leggere il Nepal ] Marco in Nepal ]

 

Visitatori in linea: 2 su tutte le pagine di www.marcovasta.net

3659  persone hanno letto questa pagina