-->

libri, guide,
letteratura di viaggio

19/11/2019 00:29:36

benvenuto nella libreria on-line di

.:: e-Commerce by Marco Vasta, solidarietà con l'Himàlaya :::.

Il Karmapa

Ribes Jean-Paul

Editeur - Casa editrice

Corbaccio

  Asia
Tibet

Anno - Date de Parution

2001

Pagine - Pages

228

Lingua - language - langue

Italiano


Il Karmapa Il Karmapa  

Il 1° gennaio del 2000 un ragazzo di 14 anni, sfinito, intirizzito, con le mani ferite dalle rocce, valica la catena dell'Himalaya. Il suo nome è Orgyen Trinley Dorjé, il suo titolo è 17° Karmapa, la seconda autorità religiosa buddista. Nato nel 1985 da una famiglia nomade, viene riconosciuto nel 1992 come reincarnazione del 16° Karmapa. La Cina accetta di convalidare la scelta del Dalai Lama e, a partire dal '92 fino al giorno della fuga, il ragazzo vivrà sotto la più stretta sorveglianza dei cinesi che vogliono farne la figura contrapposta del Dalai Lama. Ma la sua è una vita in una gabbia dorata. L'idea della fuga matura in lui in po' alla volta, finché il 28 dicembre 1999, scappa dal terrazzo per perseguire il cammino spirituale con il Dalai Lama.

UN BRANO
"Con gesti calmi il Karmapa si è tolto la veste monacale sostituendola con un paio di pantaloni pesanti e un giaccone da montagna; ha gettato in un borsone alcuni effetti personali, un paio di occhiali da sole, un berretto. Dalla sera prima, adducendo a pretesto un ritiro spirituale di otto giorni, non riceve più nessuno, a eccezione del suo segretario personale, un monaco sulla sessantina che è entrato nella stanza proprio in quel momento. I due si dirigono verso una porta-finestra, che aprono senza far rumore, ed escono suun terrazzo ornato da un'effigie della divinità protettrice della discendenza Karma Kagyu, il "Grande nero" Mahakala Pernachen.
E' l'inizio di un'avventura preparata da molto tempo, in totale segretezza, da tre o quattro congiurati. Una fuga rocambolesca fuori dal Tibet occupato dalla Cina e che avrà luogo nei primi giorni dell'anno Duemila."

L'AUTORE
Jean-Paul Ribes è un giornalista che si occupa da molto tempo della questione tibetana . Nel 1987 ha creato il «Comitato di sostegno della popolazione tibetana» (Francia) e ha pubblicato La lettera del Tibet per attirare l’attenzione delle autorità politiche sulla questione tibetana. Coautore di numerose opere sull’argomento, ha scritto la prefazione di alcuni libri del Dalai Lama.