-->

libri, guide,
letteratura di viaggio

13/12/2019 01:32:02

benvenuto nella libreria on-line di

.:: e-Commerce by Marco Vasta, solidarietÓ con l'HimÓlaya :::.

Il fiume sacro Bagmati

Ricerche architettoniche ed etnoantropologiche sul fiume Bagmati nella valle di Kathmandu-Nepal. Ediz. italiani e inglese
Accademia delle arti del disegno - Firenze

Editeur - Casa editrice

Alinea

Asia
Nepal
Himalaya

Pagine - Pages

200

Titolo originale

Il fiume sacro Bagmati. Ricerche architettoniche ed etnoantropologiche sul fiume Bagmati nella valle di Kathmandu-Nepal. Ediz. italiani e inglese

Lingua - language - langue

italiano

Edizione - Collana

Saggi e documenti di storia dell'archit.)

Curatore

Bonapace C.; Sestini V.

acquista in Italia tramite IBS
Il fiume sacro Bagmati. Ricerche architettoniche ed etnoantropologiche sul fiume Bagmati nella valle di Kathmandu-Nepal. Ediz. italiani e inglese


Il fiume sacro Bagmati Il fiume sacro Bagmati  

Un singolare quanto consistente patrimonio culturale ha reso celebre la Vallata di Kathmandu e, nel 1979, ha consentito il suo inserimento nella Lista del patrimonio mondiale. Valerio Sestini e Enzo Somigli, a partire dal 1994, hanno iniziato una serie di ricerche interdisciplinari di architettura e di antropologia lungo il fiume Bagmati in Nepal al fine di documentare le presenze monumentali di quella regione nel loro contesto culturale. Non ci dobbiamo sorprendere se il loro lavoro Ŕ stato apprezzato e ha avuto riconoscimenti in campo internazionale. Un lavoro che ha corrisposto a quanto auspicato dal Documento di Nara, ovvero che il valore di un patrimonio storico sia percepito non solo attraverso le forme, i materiali, gli usi, le funzioni, le tecniche, l'ubicazione, l'ambiente, ma anche in base alle fonti di informazioni disponibili in ordine al piano artistico, sociale, storico relative allo spirito e al sentimento. Ricco di tali esperienze il presente volume, a firma dell'antropologa Caterina Bonapace e dell'architetto Valerio Sestini, si configura come un testo esemplare e indispensabile per chi vorrÓ comprendere la multicomposita realtÓ culturale nepalese, ma anche per l'Ufficio UNESCO di Kathmandu che, stabilito in Nepal fino dal 1998, si occupa della salvaguardia del patrimonio, sia materiale che immateriale, di quella regione con la promozione di un turismo eco-culturale, con la protezione dell'ambiente e dei diritti umani, e con il favorire uno sviluppo sostenibile.