Numero di utenti collegati: 916

libri, guide,
letteratura di viaggio

01/07/2022 12:56:02

benvenuto nella libreria on-line di

.:: e-Commerce by Marco Vasta, solidarietà con l'Himàlaya :::.

Shorong Hinku Nepal - Schneider

1:50.00

Schneider Erwin


Asia
Nepal
Himalaya

Anno - Date de Parution

2013

Titolo originale

Shorong Hinku Nepal - Schneider

Lingua originale

Lingua - language - langue

eng

Ristampa - Réédition - Reprint

2013

Curatore

A. Siebebiechner


Shorong Hinku Nepal - Schneider  

La mappa Shorong / Hinku 1:50.000, nella famosa serie Schneider, rivista nel 2013 include il basso Khumbu (Shorong) Shorong - con ampie informazioni turistiche per i percorsi di trekking nell'area direttamente a sud del Sagarmatha National Park. Centrata su Lukla, la copertura si estende a nord fino a Namche Bazaar e a sud appena oltre Kharikhola e la parte centrale del sentiero da Jiri al Monte Everest.
La topografia è presentata in modo molto vivido da contorni a intervalli di 40 m, migliorati da un'eccellente ombreggiatura in rilievo e numerose altezze di spot, oltre a colori e / o grafici per mostrare diversi tipi di terreno (ghiacciai, crepacci, morene, ghiaioni, ecc.) e vegetazione. L'evidenzazione per i sentieri di trekking distingue tra percorsi principali e secondari e gli altri percorsi locali sono contrassegnati. La mappa ha una griglia UTM di 2 km, più latitudine e longitudine sul margine a intervalli di 5 '. La legenda della mappa è in tedesco e inglese. Impermeabile e resistente allo strappo.

 


Recensione in altra lingua (English):

Shorong - Hinku region of Nepal at 1:50,000 on a waterproof and tear-resistant map in the famous Schneider series.
Revised in 2013 to include extensive tourist information for trekking routes in the area directly south of the Sagarmatha National Park. Centered on Lukla, coverage extends north to Namche Bazaar and south just beyond Kharikhola and the central part the Jiri to Mount Everest trail.
Also highlighted is the trail via Kote to the Mera Peak Base Camp and High Camp.
Topography is very vividly presented by contours at 40m intervals, enhanced by excellent relief shading and numerous spot heights, plus colouring and/or graphics to show different types of the terrain (glaciers, crevasses, moraine, scree, etc) and vegetation.
Highlighting for trekking trails distinguishes between main and secondary routes, and other local routes are marked.
A very wide range of symbols indicate various accommodation options, locations with markets or food shops, banks, medical facilities, monasteries and other places of interest, access by air transport, etc.
The map has a 2-km UTM grid, plus latitude and longitude margin ticks at 5’ intervals.
Map legend is in German and English.



Biografia

Schneider Erwin

Nato nel 1906 a St. Joachimstal (Jachymow) nella Boemia occidentale, a quel tempo parte dell'Impero austro-ungarico, Schneider andò a scuola a Idria (Idrija) in Slovenia e completò i suoi studi a Salisburgo. Per studiare l'estrazione mineraria si iscrisse all'Università Tecnica di Charlottenburg a Berlino, Germania, 1924-1934.
A Berlino è entrato a far parte dell'Akademischer Alpenverein (Associazione Accademica Alpina)). Nel 1928 si unì alla spedizione Alai-Pamir (scalando il Pik Lenin (7.439 m), Picco Avicenna, la montagna più alta dell'Unione Sovietica), nel 1930 la Spedizione Internazionale sull'Himalaya, nel 1930 la Spedizione Kangchenjunga e nel 1932 la spedizione alla Cordillera Blanca in Perù.
La spedizione Kangchenjunga non riuscì a raggiungere la vetta alta 8.598 m. Da Darjeeling Schneider valicò il Khang La verso Pangpema, il campo principale a nord del ghiacciaio. Nel luglio 1930, con il suo collega H. Hoerlin, scalò quattro vette sopra i 7.000 metri, tra cui il Jongsang Peak (7.483 m), la 57a vetta più alta del mondo, al confine tra Nepal, India e Cina. Per un anno hanno detenuto il record di quota.
All'inizio del 1934 Schneider si unì alla spedizione tedesca del Nanga Parbat, che raggiunse i 7.900 m prima che il disastro colpisse e il maltempo creasse il caos con i loro piani. Dieci membri della spedizione morirono. Richard Finsterwalder, tuttavia, creò una mappa in scala 1:50.000 che oggi non ha perso nulla della sua validità. Nel 1936 Schneider si unì a un'altra spedizione in Perù e preparò la sua prima mappa della Cordillera Huayhuash, basata su un rilievo fotogrammetrico terrestre.
Nel 1937 si iscrive all'Università Tecnica di Hannover e l'anno successivo a Berlino, dove viene installato il primo Istituto di Fotogrammetria. Nel 1939 le sue dieci dita erano così gravemente congelate che dovettero essere amputate all'osso metatarsale. Nel dopoguerra ha lavorato come libero professionista a Lech / Arlberg, fornendo servizi per lo sviluppo di impianti idroelettrici e realizzando mappe per la sezione cartografica dell'Associazione Alpina.
Nel 1955 Schneider tornò in Nepal, non attraversando il confine dal Sikkim ma procedendo verso il Lhotse nella regione del Khumbu con la spedizione internazionale dell'Himalaya, guidata da Norman G. Dyrhenfurth. Il rilievo fotogrammetrico ha portato alla realizzazione della famosa Carta dell'Everest, scala 1:25.000, sponsorizzata dalla German Research Foundation e dalle Associazioni alpine tedesca e austriaca. Nel 1960, Walter Hellmich, Richard Finsterwalder ed Erwin Schneider progettarono una mappa che copriva l'intero gruppo dell'Everest da Cho Oyu a Makalu come parte di un progetto di ricerca interdisciplinare che nella sua fase iniziale (1960/1961) era supportato dalla German Research Foundation e da privati sponsor. Nel 1962 Schneider convinse la Fondazione Fritz Thyssen a sostenere il “Forschungsunternehmen Himalaya Nepal” per un periodo di dieci anni. Mappe in scala 1:50.000 coprivano il Khumbu Himal (1965), Tamba Koshi-Likhu Khola (1968), Dudh Kosi e Shorong / Hinku (1974), Lapchi Kang (1974) e Rolwaling (1974, seconda edizione 1992). Nel 1968 Schneider ha esteso il suo lavoro a Langtang (completato nel 1990, 1:50.000). Da allora, queste mappe sono state conosciute come "mappe Schneider" e il nome "Schneider" è diventato un marchio

Consulta anche: Biografia in lingua inglese