Numero di utenti collegati: 1304

libri, guide,
letteratura di viaggio

14/06/2024 15:41:57

benvenuto nella libreria on-line di

.:: e-Commerce by Marco Vasta, solidarietà con l'Himàlaya :::.

Taklimakan

deserto da cui non si torna indietro

Turri Eugenio


Editeur - Casa editrice

Di monte in monte

Asia
Asia Centrale
Xinkiang


Anno - Date de Parution

2005

Lingua - language - langue

italiano

Edizione - Collana

Tararà

Prefazione

Gilberto Lonardi

Contributo di

Fondazione Silla Ghedina (Cortina d'Ampezzo)


Taklimakan Taklimakan  

"Questo è il paesaggio visibile dalla cima dove ci spinge il desiderio di identificarci nella geografia, con l'occupazione di un suo punto preciso, il più alto, il più panoramico. Orofilia come desiderio di essere elementi della natura, di darsi una dimensione interiore tutta intrisa della possessività delle cose, come totale appagamento dell'essere".

 



Recensione in lingua italiana

Eugenio Turri, veronese, geografo, è autore tra l’altro di Viaggio a Samarcanda (1963 nuova edizione Diabasis 2004), Antropologia del paesaggio (1974 e 1981), Semiologia del paesaggio italiano (1979 e 1990), Dentro il paesaggio: il territorio laboratorio (1982), Gli uomini delle tende (1983 e nuova edizione Bollati Boringhieri 2003), La via della seta (1983), Weekend nel Mesozoico (1992), Miracolo economico: dalla villa veneta al capannone industriale (1995), Il paesaggio degli uomini. La natura, la cultura, la storia (2003). Con Marsilio ha pubblicato Il paesaggio come teatro (1992) e La conoscenza del territorio (2003) e Il paesaggio e il silenzio (2004). Per anni è stato consulente per la pianificazione territoriale e paesistica alla Regione Lombardia e ha insegnato geografia del paesaggio alla facoltà di Architettura e Urbanistica del Politecnico di Milano.


Biografia

Eugenio Turri ha insegnato, sino al 2001, Geografia del Paesaggio alla Facoltà di Architettura e Urbanistica del Politecnico di Milano. Per una decina di anni è stato anche consulente per la pianificazione paesistica e territoriale alla Regione Lombardia. Ha studiato a Milano e ha iniziato la sua attività come cartografo nelle redazioni del Touring Club Italiano.

Ha cominciato negli stessi anni a viaggiare, collaborando al noto settimanale Il Mondo (negli anni '50 e'60), a Comunità, a Le Vie del Mondo e alle riviste accademiche di geografia.
È stato poi all'Istituto Geografico De Agostini dove ha diretto l'opera, in 12 volumi, Il Milione; per la stessa casa editrice ha scritto o curato le maggiori opere di geografia, come i volumi di Continenti e Paesi, le collane L'Italia, uomini e territorio, L'uomo sulla Terra, L'Europa, oltre che i noti atlanti, editi in diversi paesi. Ha trascorso lunghi e frequenti periodi di studio nel Terzo Mondo ed in particolare ha dedicato la sua attenzione ai popoli nomadi, sui quali ha pubblicato diversi studi e i volumi Gli uomini delle tende e I nomadi.
Suo territorio privilegiato di studio è sempre stato il Monte Baldo cui ha dedicato un libro, Il Monte Baldo. Eugenio Turri ha dato un contributo d’eccezione nella stesura del Piano di Area del Garda. Il suo più recente lavoro è uno studio sugli sviluppi urbani della pianura padana, che coinvolge anche le valli alpine, intitolato La megalopoli padana.


Bibliografia Sintetica


Viaggio a Samarcanda, IGDA, 1963

Il diario del geologo, Rebellato, 1967
La Lessinia: la natura e l'uomo nel paesaggio, Ediz. di Vita veronese, 1969
l monte Baldo, COREV, 1971
Continenti e paesi, De Agostini, 1973
Antropologia del paesaggio, Ed. di Comunità, 1974
Nomadi: gli uomini dei grandi spazi, Fabbri, 1978

Il Lago di Garda, De Agostini, 1978
Semiologia del paesaggio italiano, Longanesi, 1979
L'Italia ieri e oggi: una rivisitazione fotografica, De Agostini, 1981
La via della seta, De Agostini, 1983

Il Bangher : la montagna e l'utopia, Bertani, 1988
L'Italia: realtà e immagine di un paese, De Agostini, 1988
Week-end nel Mesozoico, Cierre, 1992
Il paesaggio come teatro: dal territorio vissuto al territorio rappresentato, Marsilio, 1998
La megalopoli padana, Marsilio, 2000
Villa veneta: agonia di una civiltà, Cierre, 2002
Gli uomini delle tende: dalla Mongolia alla Mauritania, Bruno Mondadori, 2003
Il viaggio di Abdu. Dall'Oriente all'Occidente, Diabasis, 2004
Viaggio a Samarcanda, Diabasis, 2004 (ried.)
Il paesaggio e il silenzio, Marsilio, 2004
Taklimakan, deserto da cui non si torna indietro, Di monte in monte, 2005
Il paesaggio come teatro: dal territorio vissuto al territorio rappresentato, Marsilio, 1998 (ried.)