Numero di utenti collegati: 1713

libri, guide,
letteratura di viaggio

06/08/2020 09:59:33

benvenuto nella libreria on-line di

.:: e-Commerce by Marco Vasta, solidarietà con l'Himàlaya :::.

Study on the Chronicles of Ladakh (A)

Petech Luciano


Editeur - Casa editrice

J.C. Sarkhel at the Calcutta Oriental Press

  Asia
India
Ladakh
Himalaya

Città - Town - Ville

Calcutta - Kolkata - কলকাতা

Anno - Date de Parution

1937

Pagine - Pages

204

Titolo originale

A Study on the Chronicles of Ladakh

Lingua - language - langue

eng

Ristampa - Réédition - Reprint

Low Price Publications,India; New Ed edition (1999)

Amazon.it (Italia) - ordina e ricevi questa pubblicazione
A Study on the Chronicles of Ladakh

Study on the Chronicles of Ladakh (A)  

Esistono varie traduzioni in inglese delle La-dwangs r-Gyalrabs (Genealogie del Regno di Ladakh), prima fra tutte quella di Karl Marx (missionario moravo) che servì da base per la traduzione di Francke, ristampata come Antiquities of Indian Tibet (1917 e 1926, ris. an. 1992) che con il precedente A History of Western Tibet (1907, ris.an. 1998) aveva delineato le vicende del regno, ma fra tutte queste traduzioni spicca, per commenti e note, quella dell'italiano professor Luciano Petech.
È a questo esimio studioso che dobbiamo anche diverse opere sulla storia di Ladakh e Zanskar, fra le quali The Tibetan-Ladakhi-Moghul war of 1681-1683, A study on the Chronicles of Ladakh, Calcutta 1939, e The Kingdom of Ladakh c. 950-1842 A.D., Roma 1977. In quest’opera, frutto di una vita di ricerche, egli integra il materiale rinvenuto da Francke con un’ampia serie di fonti tibetane meno concise delle Cronache.
Petech ricorre anche a testi cinesi e persiani, a documenti e ricerche recenti. Egli inoltre riesce a ricostruire in modo preciso la cronologia degli avvenimenti.

 


Recensione in altra lingua (English):

The La-dvags-rgyal-rabs (Royal Genealogy of Ladakh) which constitutes the subject of this work, is one of the most well-known chronicles of Tibet. But inspite of its reputation, it has not yet been the object of a serious and thorough study which might determine its origin and nature and profitably bring out the historical materials contained in it. The author`s endeavour has been principally directed, within the limits of his possibility, to achieve this object, and to make at the same time some new contribution to the history of Tibet, which our knowledge is still so scanty.