il sito di marco vasta

lento pede ambulabis

Redazionale AnM ] Prima di iscriverti ] Come iscriverti ] Chi c'è stato... ] Dove siamo stati ] Info Pratiche LEGGERE ] Visto Kyrgyzstan e Tajikistan+GBAO ] Meteo ] Mal di montagna ] Pamir ] Percorso e mappe ] Satellitare ] Documenti ] In Asia Centrale ] In biblioteca ]

Pamir 4x4

14-28 settembre 2019

con Marco Vasta ed AnM sul "tetto del mondo", tra natura e popoli dell’Asia Centrale su i monti del Pamir lungo i confini con l'Afghanistan

Dushanbe - Kala-i Khum

Precedente ] Su ] Successiva ]

 

Da Dushambe a Kala-i Khum

Da Dushanbe a Kala-i Khum, vi sono due itinerari alternativi fra loro: il percorso settentrionale, effettuabile solamente in estate e con 4x4 attraverso Tavildara e il Passo Sagirdasht (detto anche passo Tavildara), alto 3.252 m, o il tragitto meridionale più lungo (ma percorribile tutto l’anno) attraverso Kulyab (Kulob) e la c.d. strada del confine afghano.

Sotto: GMaps percorso via Kulob (blu) e via Tavildara (rosso)

 

Percorso nord via Tavildara (284 km)

AAA Dopo il bivio con la A372. il fondo stradale del percorso via Tavildara è in pessime condizioni e non ci sono speranze che venga ripristinato in tempi brevi. Pochissimi gruppi di AnM sono riusciti a percorrerlo con buone 4x4.

Usciti da Dushanbe ci immettiamo sulla M41. Alla rotonda di Vahdat, lasciamo sulla destra la A385 per Kulob, percorso più rapido (vedi sotto) e proseguiamo sulla strada perfettamente asfaltata che si snoda in un paesaggio verdeggiante per poi inerpicarsi fra le montagne. La carreggiata si restringe. Costeggiamo il bacino artificiale della diga di Rogon (Rog'un GES Роғун ГЭС, Рогунская ГЭС, 38.71556, 69.79435) costruita dalla Salini Impregilo e che diverrà la più alta del mondo. L'articolo "Un grand barrage pour une petite nation" (Una grande diga per una piccola nazione) di Eègis Gentè, è pubblicato su Le monde diplomatique del febbraio 2017 ed è inserito nel Quaderno di viaggio Asia centrale.

La strada corre a fianco del bacino con una deviazione di alcuni chilometri fra Сичарог e Алигалабон. Giungiamo ad un controllo (solo autisti e documenti macchina) in prossimità del bivio da cui si dirama la A372 (РБ07 vedi rif.), che conduce in Kyrgyzstan (Vahdat - Nurobod - Navobod - Kyrgyzstan).

La A372 è parte della AH65 (Asian Highway Network) che è il percorso effettuato dagli autisti per tornare velocemente da Osh (via Sari Tash) a Dushambe. Il valico di Karamyk (Карамык, 39.459606, 71.786019) fra Tajikistan e Kyrgyzstan, è rimasto chiuso agli stranieri per anni. Il gruppo AnM Asiastan, coordinato da Graziano Campana, lo attraversò nel 2012 con un permesso speciale rilasciato dalle autorità militari per evitare l'area di Khorog dove stavano avvenendo dei disordini a seguito dell'uccisione di un esponente tajiko.

Subito dopo il bivio, il fondo stradale peggiora e la M41 si addentra in un ambiente più selvaggio. La strada diventa sempre più disastrata e gli insediamenti diminuiscono. La valle in alcuni punti si restringe. Poi si apre ed i piccoli agglomerati sembrano veramente lontani dal tumultuoso traffico di Dushanbe. Un punto di sosta era un tempo il Lago Blu (38.83177, 70.20406) che non si vede dalla strada ma vi è un possibile punto di ristoro fra le acque e la scarpata.

Saliti più in quota, si ritrovano i villaggi e, dopo aver ammirato di passaggio una mosche con quattro minareti dalla cuspide fallica, ci si può fermare alla chaikona attigua alla moschea di Qalai Hussein (Ristorante Kalay Khusayn, 38.7167, 70.65028).

La vegetazione si dirada, si sale a zig zag fra i pascoli e vi è una  casamatta di un ex controllo passaporti. Spiccano un paio di cartelli che segnalano la presenza di mine, ritengo che la Lonely Planet si riferisca a questi cartelli quando ne parla. Infine giungiamo al passo variamente indicato come Haburabot, Хабуработ, Tavildara o Sagirdasht (3.252 m, 38.627373, 70.71773). Lungo la salita si incontra il vecchio elettrodotto sovietico che trasporta energia dalla lontana diga di Nurek ed è qui affiancato dal nuovo elettrodotto.

Inizia una rapida, interminabile ed affascinante discesa dapprima affacciandosi su un orrido, poi nella stretta valle che sfocia a Kala-i Kumb preceduto da un controllo passaporti (38.532967, 70.82461).

Partenza Arrivo Tempi Alt. Min. Alt. max. Disl. Tot - Disl tot + Distanza
08:45 17:35 8h50' 795 3.253 6.205 6.671 284

 

Diario 2019 - Pamir 4x4
Part. Arrivo Località

Lat Long

Km Prog
8:45  

Partenza da Asia Grand Hotel.

38.574043, 68.795057 0 0
10:l0 10:55 Sosta panoramica lago artificiale  diga di Rogon (Rog'un GES, Роғун ГЭС, Рогунская ГЭС) costruita dalla Salini Impregilo. 38.71556, 69.79435 21,2 21,2
12:15   Check polizia   104,1 148,2
    Bivio A372 (AH65) 38.86662, 70.10807 0,0 148,2
12:55 13:10 Ricompattati all’ex punto sosta di Lago Blu, foto e indirizzi. 38.83177, 70.20406 17,2 165,4
13:35   Monumento allo Snow Leopard (in verità sembra un cheeta) poi uno all'aquila ed alla pecora. 38.78842, 70.27452 11,8 177,2
    Tavildara (bivio per) 38.70029, 70.48309 26,2 203,2
15:00 16:10 Qalai Hussein (Ristorante Kalay Khusayn). 38.7167, 70.65028 20,5 223,7
    Ex Chek point   13.5 237,0
17:10 17:20 Valico Haburabot Хабуработ Tavildara o Sagirdasht 3.252m). Cartello mine prima del passo sotto antenna microonde. 38.627373, 70.71773 11,5 248,5
18:14 18:21

Posto di controllo.

38.532967, 70.82461 25,0 273,5
18:30   Gostinitza Zing      
18:35   Roma GH. Ampliata. 38.45649, 70.78792 10,5 284,2

 

 

Percorso sud via Kulob (Kulyab)  (370 km) (la falsa M41)

Percorso abituale di Asiastan, Asiastan Breve, Pamir 4x4, Pamir Walks. Da anni questo tratto è indicato erroneamente nelle relazioni come M41.

La strada verso sud è più lunga, ma è in condizioni migliori grazie al graduale lavoro di squadre di operai turchi ed oggi cinesi; c’è persino un tratto surreale a tre corsie a Zigar.

 

Sotto: clicca sul logo Wikiloc per vedere mappa e dislivelli

Powered by Wikiloc

Partenza Arrivo Alt. Min. Alt. max. Disl. Tot - Disl tot + Distanza
6:40 17:00 467 m 1.957 m -7.750 m 7.297m 369,570

 

Diario 2017 - Pamir Walks

Part. Arrivo Località Km Prog

 

 

Dushambe (LP-EDT AC 435 e seg). Statale M41

Percorso LP-EDT AC 460

0

0

 

 

Bivio

5

5

06.40

 

Vahdat. Rotonda del bivio fra la M41 (disastrata) e la strada verso Kala-i Kum. Lasciamo la M41. Fondo stradale discreto

13

18

07.02

 

Tunnel illuminato lungo 4700 metri costruito dai cinesi nel 2012

 

 

07.25

 

Altro lungo tunnel. La strada risale a 1250 metri.

 

 

 

 

Diga di Nurek - Norak water reserve. Baracche su piazzale vista lago. Faizullo acquista un cocomero alias anguria. Al ritorno con luce pomeridiana migliore, ottima immagine panoramica di una partecipante. La strada sale a 2.270m per poi scendere.

 

 

9,10

 

Pianura. Miliare 88

76

94

 

 

Passiamo Dangara, Kurbanshaid, Pingan (ponte sul Kyzylsul), Vose (Boce), ponte sul Yakhsul. A Kolbuk forte restaurato.

 

 

 

 

Culiston cippo 188

86

180

10.00

 

Arco-portale cittadina di Kulyab-Kulob (tagiko: Кӯлоб, translit. Kûlob / Kūloв ), anche Kulyab (russo: Куляб, translit Kuljab ). Interessante pagina su Kuliab: http://www.tajikistan.orexca.com/kulob_city.shtml

Bel mercato affollato.

nel 2018, quattro ciclisti (due statunitensi, uno di nazionalità svizzera, un olandese) furono travolti da un’auto. Il particolare che poi fossero stati pugnalati a morte non è vera. L’assassinio dei turisti fu rivendicato dal Partito Islamico per la Rinascita del Tajikistan (Islamic Renaissance Party of Tajikistan, IRPT), bandito negli scorsi anni dal Governo, sigla vicina all’Isis.

 

 

10.55

12.00

Ristorante con giardino. Non mangiamo in una stanza AC ma nel portico. Menù fisso usuale. Buoni i manty.

 

 

 

 

cippo 271 (nel 2014, campi militari con carri armati).

82

262

12.50

 

Shuroobod Шурообод

 

 

 

 

Shuroabod Pass (2050 m.) Passo 1780 metri (boh!!!)

Tutta quest'area fu interessata dai combattimenti fra esercito tajiko e le forze di Ahmad Shah Massoud, "il leone del Panjshir" (in farsi احمد شاه مسعود), già ministro della difesa afghana, riuscì a evitare che i talebani entrassero nella sua valle. Dopo l'ascesa dei talebani nel 1996, Massoud, che rifiutava l'interpretazione fondamentalista talebana dell'Islam, tornò all'opposizione armata rifugiandosi a Kulob ed alleandosi con i ribelli tajiki.

 

 

 

 

Chek point polizia (2014 esercito). La strada, da poco asfaltata, è la R-44 o P-44, un tempo annoverata fra le strade più pericolose del Tajikistan..

http://www.dangerousroads.org/asia/tajikistan/6506-kulob-qal-ai-khumb-road.html

 

 

 

 

Vista Afghanistan aldilà del fiume Pyanj ((Pashto: د پنج سیند‎) (/ˈpɑːndʒ/; Tajiko: Панҷ, پنج), conosciuto anche come Panjm Pyandzho, Pyanjr (derivato dal nome russo "Пяндж") che segna il confine con l’Afghanistan. Sotto di noi il villaggio di Anjirob-i Bolo Анҷироб-и Боло. la discesa è veloce sulla strada da poco rinnovata ed infatti troviamo un immenso cantiere con grandi macchine movimento terra cinesi.

51

 

 

 

Ponte con Afghanistan

26

 

14.58

 

Pushkar

 

 

 

 

Zigar - Зигар, posto di controllo.

 

 

 

 

Lungo la strada incontriamo di tanto in tanto pattuglie militari, non presenti nel 2014, che dovrebbero contrastare le infiltrazioni non tanto dei talebane (assenti nell'area afghana, ma soprattutto il contrabbando che va dagli oppiacei, alle normali sigarette, al traffico di pietre dure. Nel nord dell'Afghanistan vi sono miniere di lapislazzuli. Le operazioni vengono condotte dall'esercito e dal Comitato di Stato per la Sicurezza nazionale, il GKNB (tajiko: Tajik: Кумитаи давлатии амнияти миллӣ; russo: Государственный комитет национальной безопасности) erede del KGB.

 

 

 

 

Yogged è uno dei tanti incantevoli villaggi tagiki che si trovano lungo la strada con delle sistemazioni private. I cartelli mettono in guardia sulla presenza di mine su questo percorso, evitate quindi di avventurarvi lungo le rive del fiume.

Il posto migliore per interrompere il viaggio è a Kala-i Khum.

 

 

 

 17.00

Kailakhum (LP-EDT AC pag. 460) piccolo abitato con moschea, scuole, qualche negozietto. Statua pecora di Marco Polo sull’altro lato della strada all'imbocco del ponte

27

 368

Kala-i Khum (vedi scheda)

Qal'ai Khumb (Tajik: Қалъаи Хумб, Persian: قلعهٔ خمب - significa Fortezza sulle sponde del fiume Khumb) o Qal'a-i-Khum, anche Kalai-Khumb (traslitterato dal russo Калай-Хумб), (detta anche Kalai-khum, Darvaz o Darwaz).

Precedente ] Successiva ]

Visitatori in linea: 1683

198  persone hanno letto questa pagina